es Español

Ignora lo scudo per la privacy: spie tra amici e 101 dalmata.

È passato un mese dalla Corte di giustizia dell'Unione europea non valido la Decisione della Commissione Europea che approva il programma "Privacy Shield"Che aveva sostituito il programma"Porto sicuro” - invalidato anche dalla Corte di giustizia nell'ottobre 2015 - dovuto, in entrambi casos, alle denunce dell'attivista austriaco per la privacy Max Schrems (casos Schrems vs Facebook Irlanda noto come Schrems I e Schrems II).

Come è noto, sia il file Privacy Shield come il suo predecessore, il Porto sicuro, progettati dalla Commissione Europea e dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, erano uno dei meccanismi esistenti per consentire il trasferimento transatlantico di dati personali alle aziende aderenti (attualmente il programma conta più di 5.000 aziende) da oggi Per ora , L'Europa non ritiene che gli Stati Uniti offrano un livello di protezione paragonabile a quello dell'Europa in termini di protezione dei dati.

Le denunce di Schrems sono iniziate quando, a seguito delle rivelazioni di Snowden, l'austriaco ha chiesto a Facebook di non trasferire i suoi dati alla sua sede negli Stati Uniti poiché, secondo lui - e questo è stato nuovamente stimato anche dall'Alta corte europea - sistema e le pratiche di "spyware" e le attività di sorveglianza svolte dalle autorità statunitensi come il National Security Agency (NSA) e il Federal Bureau of Investigation (FBI) non garantisce una protezione sufficiente dei dati personali trasferiti. Tra le argomentazioni avanzate dal tribunale lussemburghese c'è il rimprovero che i programmi di sorveglianza statunitensi come PRISM o Upstream basati sull'articolo 702 della FISA (Foreign Intelligence Surveillance Act) e gli Ordini Esecutivi del Presidente al riguardo, pur rispettando talune garanzie, non offrono ai cittadini europei i cui dati siano stati trasferiti diritti che possano far valere dinanzi ai tribunali come previsto dalla normativa europea e dalla sua Carta dei diritti.

Il segretario di Stato americano per il commercio Wilbur Ross ha reagito immediatamente quando la sentenza è stata resa nota, nel suo parole, non sono in gioco solo i 7.1 trilioni di dollari coinvolti nel commercio transatlantico, ma anche la necessità che gli scambi di dati hanno per cittadini, aziende e governi in questo periodo di pandemia, soprattutto perché il programma Privacy Shield non solo ha contribuito a trasferire dati alle aziende tecnologiche ma a laboratori, grandi aziende di consumo e industriali e un lungo ecc. Il 10 agosto ha nuovamente lanciato un file comunicado conjunto con il Consigliere europeo per la giustizia che annuncia la volontà di avviare un nuovo programma che sia conforme ai requisiti della sentenza e consenta di proseguire lo scambio transatlantico di dati con tutte le garanzie legali data la criticità di detti scambi per gli 800 milioni di cittadini di entrambe le parti del Atlantico.

Nel frattempo, lunedì 17 agosto, Schrems ha annunciato - attraverso la sua organizzazione NOYB (Non sono affari tuoi) da cui ha tratto il suo modus vivendi, la sua campagna 101 reclami (con illustrazione dei 101 dalmati della Disney inclusa). L'austriaco ha presentato reclamo a tutte le autorità europee per la protezione dei dati contro 101 siti Web europei, nonché contro Google e Facebook poiché, nonostante la "sua condanna" (Schrems II), tali siti Web continuano a utilizzare Google Analytics o Facebook Connect e trasferiscono dati negli Stati Uniti. . Tra le società spagnole denunciate ci sono la Royal Spanish Academy, edreams o El País de los Juegos-Poki.
Ma al di là dell'enorme caos legale che la sentenza lussemburghese ha generato e dell'urgente necessità di non paralizzare i trasferimenti di dati transatlantici, le sue conseguenze geopolitiche ed economiche hanno anche un impatto importante sulla "guerra fredda" tecnologica in cui è immersa Washington. Così, con gli Stati Uniti condannati a poco meno di uno stato "spia" e poca garanzia dei diritti fondamentali da parte della Corte di giustizia europea, alla sua attuale presidenza rimangono pochi argomenti per poter continuare con il boicottaggio che stava attuando contro Huawei e con le loro pressioni sugli Stati europei affinché la multinazionale cinese possa essere uno dei fornitori del futuro 5G europeo a causa dei sospetti - attualmente infondati - che questa azienda collabori con lo spionaggio cinese.

Mentre si svolge questo nuovo episodio di "Spie tra amici" - parafrasando il titolo dell'ottimo romanzo di Ben Macintyre -, Schrems si scopre davvero come l'egocentrico e fanatico Crudelia de Mon di pellicce di animali visto che quello che vuole quei 101 "Dalmati "sono ora sanzionati. Si spera che le autorità di regolamentazione e i tribunali siano in grado di discernere tra i buoni ei cattivi e non dimenticare l'impatto che queste decisioni hanno sui cittadini, sul commercio transatlantico e sulle nostre economie in difficoltà.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta da Expansión (21/08/20)
https://www.expansion.com/opinion/2020/08/21/5f3fb040e5fdeafb078b4588.html
© Javier Fernandez-Samaniego, 2020
Direttore partner. Legge SAMANIEGO.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Ignora lo scudo per la privacy: spie tra amici e 101 dalmata.
Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Chi l'Autore

Javier Fernandez-Samaniego

Javier Fernandez-Samaniego

Managing Partner di Samaniego Law, studio legale specializzato nella risoluzione dei conflitti e nel diritto delle nuove tecnologie. Membro del Consiglio Accademico di Fide

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.