es Español

Coerenza e complementarità tra la legislazione del lavoro e quella della sicurezza sociale

"Il controllo parlamentare e il ruolo guida del Patto di Toledo devono essere mantenuti come massima garanzia nelle riforme del sistema di sicurezza sociale"

Il 12 gennaio Fide sollevato nella sessione del Coerenza e complementarità tra la legislazione del lavoro e quella della sicurezza sociale, del Gruppo Pensione, il dibattito su come la normativa sul lavoro e sulla sicurezza sociale affronti i requisiti e le esigenze che emergono dai sistemi di protezione sociale ei meccanismi utilizzati a tal fine.

Hanno partecipato alla sessione: Eva Maria Blazquez Agudo, Professore Associato di Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l'Università Carlos III di Madrid; Giovanni Capanne, Di consiglio, Auren Abogados e Jesus Lahera Forteza, professore di diritto del lavoro, Universidad Complutense de Madrid e consulente legale di Abdon Pedrajas. Moderato la sessione: Tomas Arrieta Carrillo, Professore Onorario presso l'UCM e Presidente della Fondazione AGE. Consulente accademico di Fide. Direttore della GT Pensioni di Fide.

L'analisi di queste domande è stata strutturata in quattro parti:

I. Origini e rapporti tradizionali, in cui la protezione sociale nasce e si costruisce in situazioni che impediscono il lavoro per motivi di salute, età o morte. Lungo periodo in cui la coerenza tra le due legislazioni è totale ed esclusiva: o lavori -perché ne hai la capacità- o ricevi protezione -perché non puoi lavorare-. L'estensione dell'incompatibilità della protezione con il lavoro come regola generale è una logica conseguenza di tale situazione.

II. Nuovi scenari/nuove sfide. L'evoluzione sociale ed economica, la comparsa di nuovi processi produttivi e forme di organizzazione dell'impresa e del lavoro (la tecnologia come acceleratore), da un lato, e l'estensione della speranza e della qualità della vita, insieme alla diminuzione della natalità e alla dall'altro, l'invecchiamento della popolazione impone una ridefinizione degli scopi e degli obiettivi tradizionali. Le situazioni di bisogno tutelate da prestazioni e pensioni si stanno trasformando o sfumando verso definizioni giuridiche improntate ai criteri del legislatore.

III. La necessità di riforme viene così elevata a tutti i sistemi di protezione sociale –significativamente alle pensioni - nei paesi sviluppati. L'occupazione continua ad essere l'elemento principale, anche se non sufficiente, nel finanziamento della protezione. Questo fatto, insieme alla modulazione delle situazioni di bisogno, punta verso una piena compatibilità tra pensione e lavoro.

IV. Il caso spagnolo. Il Patto di Toledo è l'istituzione con cui si affronta la risposta del sistema di sicurezza sociale a queste sfide. Il consenso parlamentare è la sua più grande risorsa e per anni è stata una storia di successo.

Il pensionamento della generazione del baby boom (1957-1977) nei prossimi anni segna lo scenario spagnolo che, tra l'altro, riflette tassi di attività e occupazione per gli ultrasessantenni molto più bassi che nei paesi dell'UE.

La Raccomandazione 12 del Patto di Toledo auspica una ridefinizione del rapporto di lavoro/protezione: “il coordinamento tra la legislazione del lavoro e la legislazione sulla sicurezza sociale deve essere rafforzata rispetto all'obiettivo dell'occupazione degli anziani”. Sulla base di questa premessa, analizziamo come il nostro ordinamento regola la compatibilità tra lavoro e prestazioni.

IV.1        Invalidità temporanea. Beneficio incompatibile con il lavoro e causa di sospensione del rapporto di lavoro, caratterizzato da una procedura complessa e atipica (amministrazioni sanitarie autonome da un lato e beneficio economico della Previdenza sociale dall'altro), con pochi meccanismi di azione o controllo aziendale e, soprattutto, che solleva dubbi su azioni fraudolente o deviazioni.

Assenza di meccanismi di incentivazione del lavoro compatibili con le cure mediche e/o riabilitative del disabile/malato e nessuna preventiva richiesta di un tentativo di adeguamento del lavoro o di mobilità funzionale compatibile con la condizione del lavoratore.

IV.2        Vedovanza. Pensione vitalizia compatibile con il lavoro in ambito previdenziale, mentre il diritto del lavoro determina la non discriminazione nel lavoro in base allo stato civile. Senza mettere in discussione la tutela delle situazioni di bisogno, si propone la riflessione sul significato della pensione, una volta avvenuto il pieno inserimento nel mercato del lavoro (significativamente quello delle donne) e se la regola generale di compatibilità con il lavoro e il reddito da un la rendita vitalizia è adeguata nello scenario attuale.

IV.3        Disabilità permanente. Prestazioni economiche con diversi livelli di protezione e diversi gradi di compatibilità. La normativa passa dalla piena compatibilità con il lavoro di Invalidità Permanente Parziale, ad una complessa combinazione di fattori -diminuzione delle capacità lavorative, mansioni che hanno determinato la disabilità, età, eventuale revisione della disabilità e dei suoi gradi...- che, a partire da una generale incompatibilità con il lavoro, è attenuata sia dalla normativa stessa (lavori diversi da quelli che hanno generato l'invalidità, compatibilità con la capacità residua...), sia da criteri giudiziari.

Una regolamentazione complessa e casistica, segnata da carattere provvisorio, che genera un grande conflitto giudiziario. Confronto tra la tutela delle pensioni vitalizie e la necessità (e mandato di legge) dell'inserimento dei disabili nel mondo del lavoro. La normativa del lavoro indica la non discriminazione per invalidità, la raccoglie come causa di risoluzione del rapporto di lavoro e disciplina la promozione dell'occupazione dei disabili. Sono possibili le stesse riflessioni di gradualità indicate nel caso dell'informatica, oltre all'eventuale prenotazione di un lavoro preferenziale per i casi di recupero o riabilitazione. Si potrebbe valutare se, in caso di compatibilità delle prestazioni IP, i requisiti applicabili ai beneficiari dell'indennità di disoccupazione sarebbero richiesti ai beneficiari, affinché possano partecipare ad azioni di orientamento e formazione. Si cercherebbe così la loro riqualificazione e reinserimento nel mercato del lavoro, compatibilmente con il mantenimento di un diritto parziale alla pensione.

IV.4        La pensione. Pensione vitalizia con compatibilità marginale con il lavoro. Per la legislazione del lavoro è causa di risoluzione del rapporto di lavoro, mentre è vietata la discriminazione basata sull'età.

Difficoltà a comprendere lo schema generale di compatibilità per la molteplicità dei dati: ipotesi di prepensionamento (incompatibile con il lavoro); Ordinario e ritardato (compatibilità con reddito non superiore alla SMI); Attivo (compatibile con il lavoro); Parziale e Flessibile (compatibile proporzionalmente al lavoro a tempo parziale).

Contraddizione tra il regime di previdenza sociale che prevede il pensionamento come diritto del lavoratore esercitabile a piacimento e il pensionamento forzato previsto da alcuni contratti collettivi.

Infine, e in relazione allo scopo della presentazione, sono state brevemente affrontate le modifiche dell'ultima riforma (Legge 21/2021) e il mandato del Patto di Toledo.

L'adeguato rispetto di tale mandato è stato evidenziato in diverse materie (quelle finalizzate all'allungamento volontario della vita attiva), sono stati sollevati dubbi sul trattamento degli altri (pensionamento anticipato, vedovanza delle coppie non sposate e pensionamento forzato nei contratti collettivi) e, valutando positivamente la partecipazione delle parti sociali, è stato evidenziato che il controllo parlamentare e il ruolo guida del Patto di Toledo devono essere mantenuti come la massima garanzia nelle riforme del sistema di previdenza sociale.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.