es Español

D-rischio o espulsione dal sistema finanziario. Prima conseguenza dell'"imputazione" in giudizio

"Tutti i soggetti obbligati, dalla sfera preventiva, devono collaborare respingendo quei clienti sui quali abbiamo ragionevoli dubbi sulla legalità dei loro fondi e comunicando queste informazioni a Sepblac"

In occasione delle numerose notizie che stanno comparendo sulla stampa di persone indagate nei più svariati processi giudiziari, e del rigetto a cui sono soggette socialmente e finanziariamente una volta che i loro nomi compaiono nei titoli dei giornali digitali, ritengo necessario, da la mia posizione di consulente in materia di prevenzione del riciclaggio di denaro, dalla mia esperienza di quasi vent'anni presso la Banca di Spagna e il Servizio esecutivo della Commissione per la prevenzione del riciclaggio di denaro e dei reati monetari (Sepblac) e come responsabile per due anni di un dipartimento di prevenzione di un istituto finanziario, per richiamare l'attenzione sul pericolo che le lunghe norme di prevenzione, spesso contraddittorie e poco chiarificatrici, ci facciano perdere di vista le basi e l'ambito della nostra partecipazione, come soggetti obbligati, alla lotta al riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.

Tutti i soggetti obbligati, in ambito preventivo, devono collaborare respingendo quei clienti sui quali abbiamo ragionevoli dubbi circa la liceità dei loro fondi e comunicando tali informazioni a Sepblac, affinché questo organismo, una volta arricchite tali informazioni, possa trasmetterle a le forze e gli organi di sicurezza dello Stato, che avranno il compito di arrestare i criminali: riciclatori o finanziatori del terrorismo.
jannoon028 - http://www.freepik.esNuestro ruolo è fondamentale: siamo i guardiani del sistema economico e dobbiamo rifiutare l'integrazione dei fondi ottenuti attraverso attività criminali. Si tratta di proteggere il nostro ambiente da coloro che violano le regole che tutti noi abbiamo imposto, ma che in seguito sono interessati ai servizi: legali, finanziari, di godimento di beni di lusso ... che questa Società, che hanno precedentemente attaccato, offre loro .

Questo è il fondamento dell'imposizione di obblighi terribilmente costosi per chi deve metterli in atto, e nessun altro. Non si tratta di identificare ed espellere clienti non veritieri, infedeli, sciocchi o sequestrati da procedimenti civili. Ha lo scopo di rilevare i clienti i cui fondi potrebbero provenire da attività criminali. È questa funzione di difesa dell'interesse generale che ci tutela e ci legittima ad indagare e richiedere informazioni e documentazione personale, impensabile in qualsiasi altra circostanza. Di conseguenza, se, ad esempio, dall'analisi di queste informazioni arriviamo alla conclusione che questo cliente sta conducendo emotivamente una "doppia vita", non dovrebbe essere oggetto di preoccupazione ai fini della prevenzione del riciclaggio di denaro. Pertanto, i regolamenti vietano l'utilizzo delle informazioni raccolte nell'ambito della prevenzione per qualsiasi altro utilizzo.

Per poter rilevare le operazioni con le quali il cliente potrebbe tentare di utilizzare fondi criminali, occorre prestare attenzione ad alcune variabili di rischio, quali: la nazionalità del cliente, l'informazione pubblica avversa o l'operazione effettuata.

Tuttavia, il concorso di una di queste variabili non può essere considerato come un elemento determinante immediato per qualificare l'operazione o il cliente come sospetto, ma deve essere analizzato in modo completo e strutturato per concludere, in modo ragionevole, l'esistenza di un rapporto tra il cliente con fondi illeciti.

La circostanza che il nostro cliente appaia, secondo le informazioni pubbliche, accusato (investigato o perseguito) in un procedimento giudiziario, non supporta né giustifica l'espulsione automatica di questo cliente dalla nostra entità.

Durante la fase istruttoria o istruttoria, è consuetudine che il capo dell'organo giudiziario chiami per dichiarare come accusato ad un numero elevato di persone che alla fine non vanno ad essere processate nel Sentenza Orale, anche se lo fossero, è possibile che alla fine non vengano condannate.

Pertanto, è necessario trattare questo avviso come un'ulteriore variabile, scartando imputazioni di reati non economici o valutare se l'eventuale reato commesso incida sulla liceità dei fondi generati dall'attività professionale svolta fino al momento dell'imputazione. Ad esempio, nel caso delle “carte nere”, l'eventuale reato commesso non contamina i fondi legalmente ottenuti attraverso l'attività professionale svolta lungo la vita di molti dei condannati definitivamente.

Le norme di prevenzione non tutelano né legittimano gli enti ad applicare una sentenza extragiudiziale prima della conclusione del procedimento giudiziario stesso, come l'espulsione dal sistema finanziario. I soggetti obbligati hanno un ruolo essenziale in un ambito antecedente a quello giudiziario e la nostra missione non è respingere tutti coloro che intervengono in un procedimento giudiziario, dobbiamo valutare tali informazioni e se non altro dopo aver analizzato il caso, giungiamo alla ragionevole conclusione che i fatti per i quali sono giudicati sono coerenti con operazioni sospette o ci consentono di dubitare dei fondi di cui sono titolari, dobbiamo notificare l'operazione e porre fine al rapporto commerciale.

Abbiamo in mente i nomi di numerosi accusato, gli ultimi 29 dell'ordinanza emessa dal giudice Manuel García Castellón nell'ambito del complotto punico del 2 settembre. Non è necessario menzionare nessuno di essi o nessun altro per il diritto di non essere condannati o oltraggiati pubblicamente prima della risoluzione del procedimento in cui sono coinvolti (Diritto fondamentale alla presunzione di innocenza).

Per concludere, posso solo evidenziare quanto segue:

La lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo non tutelaIn nessun modo gli enti obbligati ad imporre un sistema di controllo indiscriminato alla popolazione che servono. Fondamento della prevenzione di tali reati è cercare di distinguere quei clienti che intendono avvalersi dei servizi che l'ente fornisce per occultare l'origine illecita dei propri fondi.

D-rischio o espulsione dal sistema finanziario. Prima conseguenza dell'"imputazione" in giudizio.

Il rifiuto di quei clienti i cui fondi non hanno un'origine nota deve essere effettuata dopo un'analisi strutturata, come descritto nella normativa (art. 17 legge 10/2010 e art. 25 del regolamento che la sviluppa) o quando il processo di diligenza non ha potuto essere effettuato con successo (art. 7.3 Legge 10/2010), o perché non è possibile reperire sufficienti informazioni pubbliche o perché il cliente è stato riluttante a fornire informazioni sufficienti da cui si possa dedurre la ragionevole legittimità dei propri fondi .

D-rischio o espulsione dal sistema finanziario. Prima conseguenza dell'"imputazione" in giudizio.

L'applicazione automatica e generale di regole di rifiuto che non consentono il contributo volontario di informazioni e documentazione da parte del cliente interessato, che potrebbero aiutare a confermare la liceità e l'onorabilità della propria attività professionale, è un violazione dei loro diritti fondamentali e un eccesso di applicazione dei regolamenti prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo da parte dell'ente.

D-rischio o espulsione dal sistema finanziario. Prima conseguenza dell'"imputazione" in giudizio.

Pilar Cruz Guzman Flores.

Esperto in prevenzione del riciclaggio di denaro.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

D-rischio o espulsione dal sistema finanziario. Prima conseguenza dell'"imputazione" in giudizio
Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Informazioni sul blog

Blog Omaggio Antonio Moreno

Blog Omaggio Antonio Moreno

Blog tributo ad Antonio Moreno Espejo, che è stato Direttore delle Autorizzazioni e delle Registrazioni, National Securities Market Commission (CNMV), co-direttore del Forum dei mercati finanziari di Fide e Membro del Consiglio Accademico di FIDE. Questo blog collettivo contiene articoli e riflessioni generate da persone che partecipano regolarmente al Forum dei mercati finanziari di Fide.

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.