es Español

Il dilemma del prigioniero e la mediazione

"I vantaggi della mediazione rimangono in gran parte sconosciuti. Ma attraverso un processo di mediazione, il mediatore crea uno spazio sicuro per lo scambio di informazioni tra le parti, ripristinando le possibilità di una negoziazione collaborativa o costruttiva".

Con la comparsa in Sud Africa della variante OMICRON del covid 19, molti Paesi hanno reagito con forza chiudendo voli, frontiere e scambi con il Paese. Con questa risposta mi sono chiesto se questo non è il mondo che punisce i paesi che segnalano in modo trasparente la comparsa di varianti o mutazioni. Se ogni volta che un Paese si comporta come dovrebbe (riportando e collaborando con le organizzazioni sanitarie internazionali) la risposta che riceve dal resto dei Paesi è quella di essere punito con misure di isolamento, quale Paese lo sarà? lo sciocco mantenere la trasparenza e la cooperazione a beneficio della salute globale? Che dilemma.

Il famoso dilemma del prigioniero è il problema più noto nella teoria dei giochi. Attraverso di essa si può facilmente osservare come a livello individuale (o Paese nel caso in esame) molte decisioni e comportamenti che sembrano irrazionali siano comunque vantaggiosi per l'individuo o il Paese in questione. O comunque, il comportamento egoistico di un individuo o di un Paese, in fuga dalla cooperazione, può essere il più vantaggioso per chi lo mette in atto.

Nel gioco del dilemma del prigioniero, i due giocatori (fittiziamente due criminali recentemente catturati dalla polizia che sono separati e incommunicado) sono sottoposti alla scelta se voler aiutare la polizia denunciando il proprio compagno o se al contrario decidere di no darlo via. Quando i due decidono di non tradirsi, il risultato congiunto è il massimo che possono ottenere come gruppo, dal momento che verrebbero condannati a 4 anni in totale al ritmo di 2 per ogni prigioniero. Si può dire che la collaborazione tra i due prigionieri è vantaggiosa per loro come gruppo, poiché se entrambi si fossero traditi sarebbero stati condannati a 5 anni per un totale di 10 anni tra i due. Ma il vero dilemma arriva quando ogni prigioniero sa che se non denuncia il suo partner, ma il suo partner denuncia su di lui, il prigioniero denunciante sarà condannato a un solo anno e l'imputato subirà una condanna a 10 anni. FaiCosa farà l'altro prigioniero? A ciascuno di loro verrà chiesto. E chi pensa che l'altro lo tradirà non avrà altra scelta che smettere di collaborare con il suo compagno di prigionia e tradirlo per evitare una condanna a 10 anni.

Ricombinando la teoria dei giochi con il Sud Africa e la variante OMICRON, è chiaro che per la protezione globale del mondo è l'atteggiamento cooperativo del Sud Africa che porta il miglior risultato. Ma quanti paesi continueranno a collaborare se ciò che ottengono dall'altra parte deve essere individuato e condannato all'isolamento? Oserei dire che pochi o nessuno come nessun prigioniero rimarranno senza tradire il suo compagno se sa che lo tradirà.

Conclusione 1Solo coloro che possono confidare che il loro atteggiamento collaborativo non li punirà saranno disposti a farlo, cercando così l'interesse comune.

solo coloro che possono confidare che il loro atteggiamento collaborativo non li punirà saranno disposti a farlo, ricercando così l'interesse comune

Qualcosa di molto simile accade spesso nei conflitti di lavoro, professionali e familiari. Esistendo la possibilità di ottenere una soluzione vantaggiosa per entrambe le parti, la sfiducia tra di loro impedisce loro di condividere minimamente i propri interessi. Di conseguenza, con più o meno consapevolezza, le parti si dicono: "Se dico all'altra parte quello che voglio o di cui ho bisogno, gli darò un vantaggio e lui potrà approfittarne a beneficio con il corrispondente danno a me". E prima di questo, solo la fiducia che l'altra parte non saprà sfruttare il mio buon atteggiamento e la mia disposizione consentirà di ristabilire il dialogo costruttivo e intelligente per cercare un accordo che si adatti ragionevolmente agli interessi di entrambi.

Conclusione 2: Solo quando saremo convinti che vale la pena collaborare saremo disposti a farlo e quindi a condividere le informazioni traendo vantaggio reciproco.

Solo quando saremo convinti che vale la pena collaborare saremo disposti a farlo e quindi a condividere le informazioni traendo vantaggio reciproco.

E cosa c'entra questo con la mediazione? Vediamo un po' di parallelismo.

I vantaggi della mediazione rimangono in gran parte sconosciuti. Ma attraverso un processo di mediazione, il mediatore crea uno spazio sicuro per lo scambio di informazioni tra le parti, ripristinando le possibilità di una negoziazione collaborativa o costruttiva. La garanzia difidel'attività del mediatore unitamente alla sua autorità di persona esterna e neutrale consentono di creare un dialogo costruttivo con atteggiamenti nuovi, molto più pratici e centrati non tanto avere ragione o vincere ma nel soddisfare i bisogni e gli interessi delle parti. Infine, attraverso la mediazione, si creano spazi di fiducia in cui le parti adottano una trattativa cooperativa semplicemente perché ne vale la pena. O cos'è lo stesso perché l'escalation o la magistratura del conflitto sono alternative peggiori di un accordo negoziato anche quando non è perfetto.

La mediazione è uno spazio-processo sicuro per cooperare senza rischi alla costruzione delle migliori soluzioni per le parti dalla valutazione realistica di quali siano le alternative ad un accordo.

E per dire addio a un ultimo pensiero: di fronte ai nostri conflitti, creiamo sempre l'ambiente giusto per collaborare alla ricerca di soluzioni, proprio a tutela del nostro stesso interesse. E per questo, non dimentichiamo di considerare la mediazione come una grande opzione.

di fronte ai nostri conflitti, creiamo sempre l'ambiente giusto per collaborare alla ricerca di soluzioni, proprio a tutela del nostro stesso interesse.

Alfredo Sanfelice

Facilitatore e mediatore in ambienti di lavoro familiare, investimenti e partner professionali e conflitti intra-aziendali

Articolo originariamente pubblicato su Il Confideufficiale

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.