es Español

L'euro digitale e i politici

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Facebook
Condividi via email
Condividi su whatsapp
"Il compito di ricercare un sano equilibrio tra interessi privati ​​e pubblici spetta ai politici eletti dai cittadini".

La presentazione di una proposta non legislativa sull'Euro Digitale da parte del gruppo socialista è una buona notizia. La sua giustificazione spiega abbastanza bene alcuni dei vantaggi che Digital Euro può fornire ed è stata riprodotta dai media più attenti. L'Euro Digital è un progetto economico europeo con un grande potenziale di riforma e questa iniziativa dei parlamentari spagnoli ne ha parlato.

Adesso è la Bce che studia, con i funzionari delle banche nazionali, le possibilità di progettazione di questa moneta digitale pubblica. Ma mentre presentate le vostre relazioni, la Commissione e il Parlamento europeo dovranno essere coinvolti nell'avvio di questo progetto.

A differenza del parlamento tedesco, che passa molto tempo a discutere delle decisioni delle istituzioni europee, il nostro parlamento dedica pochissimo tempo a discutere i dettagli di questi progetti. È difficile sapere se questa mancanza di attenzione contribuisce all'ignoranza dei nostri cittadini o se è il disinteresse dei cittadini per progetti specifici a spiegare perché le politiche europee siano poco discusse nel nostro parlamento nazionale.

Ma realizzare tutti i suoi possibili benefici dipende da come è progettato l'Euro digitale, quindi dovremmo celebrare qualsiasi iniziativa che porti i nostri politici a partecipare a ciò che, a lungo termine, significherà. una profonda trasformazione del nostro sistema monetario e bancario.

Movimenti simili vengono rilevati in tutto il mondo poiché praticamente tutti i paesi più sviluppati stanno valutando l'introduzione di una moneta digitale pubblica e sicura (CBDC). In particolare, domani in il Financial Services Committee del Congresso degli Stati Uniti terrà una sessione dedicata al dollaro digitale, così si chiama lì un progetto simile a quello dell'Euro Digitale.

Il risultato del lavoro congiunto sviluppato dalla Fed - con la sua Bank of Boston - insieme al MIT sarà importante lì, quindi incoraggio chi è interessato al denaro digitale sicuro ascolti soprattutto l'intervento in quella sessione di Neha Narula, dal MIT media Lab, che è il direttore della Digital Currency Initiative.

Sebbene gli statuti di alcune banche centrali, come la BCE, permetterebbero loro di introdurre l'Euro Digitale senza la necessità di decisioni politiche, è impensabile che, per la sua importanza, sia stato adottato senza l'intervento di governi e parlamenti.  Non solo perché i suoi effetti vanno oltre quelli semplicemente monetari, ma anche perché il suo disegno specifico può più o meno favorire interessi pubblici e privati ​​di vario genere. E questo compito di ricercare un sano equilibrio tra questi interessi è affidato nei nostri sistemi democratici ai politici eletti dai cittadini.

L'iniziativa del gruppo socialista si può leggere qui:

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

L'euro digitale e i politici
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su Facebook
Facebook
Condividi via email
E-mail

Chi l'Autore

Miguel A. Fernández Ordóñez

Miguel A. Fernández Ordóñez

Economista di Stato. Ex governatore della Banca di Spagna e membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE). Attualmente insegna Seminari sulla politica monetaria e la regolamentazione finanziaria presso IEUniversity.

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Altri articoli di questo autore

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.