es Español

Il ritorno dell'ordo-liberalismo e la rivoluzione digitale

"Attualmente, la politica di concorrenza continentale emanata dalla Commissione Europea ha chiaramente modificato la soglia di intervento attraverso un'inversione dell'onere della prova, qualcosa di equivalente a "prima sparare e poi fare domande"
Condividi su twitter
Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Confronta e-mail

Il passato 4 di novembre, Fide organizzato una sessione su Il ritorno dell'ordo-liberalismo e la rivoluzione digitale, nell'ambito delle sessioni del Forum dell'Odissea del XXI secolo Fide. Abbiamo nella sessione con l'intervento di Michele della Mano, Vicepresidente esecutivo nell'ufficio di Bruxelles di Compass Lexecon e la moderazione di Alvaro Lobato, Patrono fondatore di FIDE e condirettore del forum.

L'ordoliberalismo è emerso in Germania, nel momento critico degli anni '1930, all'Università di Friburgo, in coincidenza con la crisi istituzionale della Repubblica di Weimar e l'ascesa esplosiva del nazionalsocialismo. Tuttavia, la sua applicazione pratica di successo ha avuto luogo solo dopo la seconda guerra mondiale, quando il modello dell'economia sociale di mercato della Repubblica federale di Germania ha ottenuto un successo straordinario.

L'ordoliberalismo postula un capitalismo regolativo, un quadro istituzionale in cui il mercato può operare senza ulteriori restrizioni. La concorrenza tra le imprese è il criterio guida e lo Stato ha solo una funzione normativa e istituzionale. La questione è se, nelle attuali condizioni della rivoluzione digitale, le politiche preventive della concorrenza, con una chiara radice ordoliberale, siano adeguate ed efficaci.

Allo stato attuale, la politica di concorrenza continentale emanata dalla Commissione Europea ha chiaramente modificato la soglia di intervento attraverso un'inversione dell'onere della prova, qualcosa di equivalente a "prima spara, poi fai domande". È vero che oggi nessuno nega l'immenso potere del cosiddetto grande tecnologia. In molti settori esercitano un monopolio di fatto in diverse attività e servizi. È anche vero che si tratta di aziende altamente innovative, ben capitalizzate, che hanno poco indebitamento nei loro bilanci e che chiaramente generano economie di scala dal lato della domanda. È possibile identificare un chiaro surplus del consumatore, un insieme di beni digitali che non vengono conteggiati nel prodotto interno lordo ma che migliorano significativamente il benessere del consumatore. Uno studio condotto da Erik Brynjolfsson della Sloan School of Business del MIT ha concluso che cedere i consumatori a tali beni ammonterebbe a $ 18.000.

La domanda allora è se le leggi sulla concorrenza sono ancora utili? Oppure è necessario procedere ad altri tipi di interventi? Tra l'altro, anche queste grandi aziende ottengono utili straordinari, ma in ogni caso il tema della tassazione può essere adeguato all'occorrenza perché, come è stato dimostrato, non rallenta l'innovazione. Sembra che la cosa appropriata sia tassare quelle esternalità negative che vengono rilevate a posteriori nel mercato per scoraggiarne la pratica. Miguel de la Mano è favorevole all'analisi degli effetti economici a posteriori perché sono più efficaci delle normative ex ante e hanno anche un profondo effetto deterrente e fungono da “avviso ai marinai”. In una certa misura, la politica di concorrenza più efficace è quella che non si vede, quella che incorpora l'effetto deterrente.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su LinkedIn
LinkedIn
Condividi su Facebook
Facebook
Confronta e-mail
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.