es Español

In memoria di Ramón Casas

"Questi modi che a volte ha la morte di strapparci i nostri cari a tradimento, senza il tempo di trasmetterci la nostra amicizia, la nostra gratitudine, la nostra devozione, ora ci obbligano a lasciarne testimonianza tardiva".

La frequenza crudele con cui la pandemia ci ha messo di fronte alla morte in condizioni drammatiche ci fa dimenticare che a volte la morte ci visita senza preavviso, senza fare rumore, con una tranquillità sorprendente ma non per questo meno dolorosa. Così ci ha lasciato il nostro amato Ramón Casas, appena 64 anni, mentre lavorava nell'ufficio della sua casa a Barcellona.

Ramón Casas è stata una delle persone che ha suscitato il più grande affetto e ammirazione. Tutti lo amavano, tutti gli riconoscevamo un insegnamento in diritto d'autore a disposizione di pochissimi. In un ambiente, come quello della proprietà intellettuale, in cui convergono interessi contrastanti di appassionati belligeranti, ha parlato e scritto ed espresso la sua opinione senza clamore, con autorità. E nessuno lo ha attaccato.

sessioni FIDE a cui Ramón partecipò con una certa assiduità attestano come calmo e temperato evitasse l'acrimonia dei dibattiti più aspri, senza mai perdere il sorriso.

Ramón ha condiviso la sua saggezza con una generosità travolgente, ma senza mostrare la sua superiorità intellettuale, senza chiedere omaggio o pagare il suo tributo. Ha vissuto la sua condizione di maestro, alla quale è stato sempre fedele senza lasciarsi tentare da altri capricci, nel modo che voleva Borges, come se la classe fosse un'opera collaborativa: chi la insegna non è meno importante di chi la riceve. Così ci siamo sentiti ingenuamente quando lo abbiamo ascoltato. E ha lasciato un ricordo indelebile in diverse generazioni di Giudici che ha formato, a beneficio di tutti, nei suoi dieci anni di insegnamento al Centro di Studi Giudiziari, dall'alto del Tibidabo.

Ramón Casas è stato l'anima di ALADDA, la filiale spagnola di ALAI, un'associazione dedicata al Diritto d'Autore con forti radici storiche, alla quale siamo tutti debitori. Ramón ha presieduto l'Associazione, sulla scia di altri grandi nomi, come Antonio Delgado o Diego Espín, che non sono più con noi.

Questi modi che talvolta ha la morte di rapire a tradimento i propri cari, senza tempo per trasmettere la nostra amicizia, la nostra gratitudine, la nostra devozione, ora ci obbligano a lasciarne testimonianza tardiva. Almeno Rosa María, la sua vedova, saprà che non è sola nel dolore.

Di Antonio Castán, Consigliere Accademico di Fide

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

6 commenti

  1. Quanto poco ho potuto godere della tua grande saggezza giuridica. Sei stato un esempio di rigore e onestà. Abbraccia l'amico e dal cielo cerca di continuare a influenzare che il buon giudizio prevale. Il tuo amico Kike.

  2. Ramón, grazie per aver trasmesso quella passione per la Legge ma, soprattutto, per tanta gentilezza e integrità. Il tuo ricordo rimarrà sempre. D.E.P.

  3. È una perdita enorme, soprattutto per la sua umanità e generosità. D.E.P. Un grande abbraccio a Rosa Maria e agli altri familiari

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.