es Español

Comprendere – con calma – la storia dei processi di razzializzazione

"Il Forum delle lezioni di storia ha accolto con favore l'intervento del professor J.-F. Schaub, professore all'École des Hautes Études en Sciences Sociales (Parigi)"

Lo scorso 19 aprile abbiamo festeggiato in Fide, nell'ambito del Forum Lezioni di Storia: Uomini, fatti e storie; la sessione su Comprendere con calma la storia dei processi di razzializzazione

Il Forum delle lezioni di storia ha ospitato l'intervento del professor J.-F. Schaub, professore all'École des Hautes Études en Sciences Sociales (Parigi). Il suo approccio ha avuto un profilo pedagogico interessante, nel senso di cercare di far comprendere alle giovani generazioni un fenomeno in cui l'Europa stessa è stata praticamente immersa fin dai suoi esordi come società organizzata. Ha evidenziato come il giudizio umano funzioni e agisca in base a ciò che percepisce con la vista, e che, di conseguenza, trova nella differenza un primo criterio di categorizzazione dell'altro. A suo avviso, tuttavia, si potrebbe parlare di razzismo come concetto storico operativo solo nel momento in cui i caratteri -di ogni genere- che derivano dall'aspetto fisico sono considerati ereditari, tipici di una «razza». Non deve stupire, quindi, che società come quelle europee, storicamente articolate secondo principi differenziali (principalmente: nobili e non nobili) abbiano accolto altre forme binarie di opposizione, forme che nel tempo hanno acquisito un profilo trinitario che il il dessert finì per prevalere, soprattutto nelle società iberiche. Insieme al nobile (di "razza") e al non nobile, apparve il "nobilitato"; al libero e allo schiavo era unito il manomesso; il figlio legittimo era legato al figlio legittimo e al bastardo; eccetera. Ognuna di queste combinazioni implica la presunzione di una "macchia" che si perpetua, e che solo con l'avvento del pensiero liberale ha permesso all'Europa di liberarsi di tale pregiudizio.

Lettura consigliata:

SCHAUB, JF e SEBASTIANI, S. (2021) Razza e storia nelle società occidentali (XV-XVIII secolo)

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.