es Español

È digitale, stupido.

Ho voluto utilizzare la versione digitale della famosa frase usata da Bill Clinton nella sua vittoriosa campagna alle elezioni presidenziali americane del 1992 contro George HW Bush ("It's the economy, stupid"), per stabilire alcune previsioni su quale sia l'evoluzione del l'economia potrebbe essere Bitcoin nei prossimi anni.

È digitale, stupido.

La maggior parte degli analisti dei media economici parla di una bolla che sta per scoppiare. Quelli sono i casos di Jamie Dimon (JP Morgan), John Wasik (Forbes) o Eric Schiffer (Bloomberg) solo per citare alcuni delle decine di articoli che sono apparsi di recente nelle notizie e che prevedono una catastrofe per il fenomeno Bitcoin*. Il qualificatore bolla funziona per me in qualsiasi caso un po' strano, visto che è un termine usato dopo il fatto, quando è avvenuto, non prima che accada. 

e in qualsiasi caso, Sono d'accordo che un valore nel mondo reale che è cresciuto con quella velocità potrebbe essere descritto come una bolla. Ma il mondo digitale è diverso e la storia ce lo ha già insegnato. Cercare di prevedere l'evoluzione futura di Bitcoin sulla base di ciò che sappiamo o abbiamo appreso dal mondo reale è un grave errore in cui la maggior parte degli analisti sta cadendo. 

Metto un esempio per illustrarlo. Un aereo nel 1974 da Parigi a New York costava 900 dollari e impiegava 7 ore per essere completato. Se l'andamento degli aeroplani (mondo reale) fosse stato simile a quello dei computer (mondo digitale), l'aereo impiegherebbe attualmente 1 secondo per completare il percorso e costerebbe 1 centesimo. Eppure i computer hanno seguito quella progressione seguendo la Legge di Moore enunciata dal vicepresidente di Intel negli anni 70. Il mondo reale è dominato dalle progressioni aritmetiche e il mondo digitale da quelle geometriche. Bitcoin è una valuta digitale caratterizzata dalla sua natura deflazionistica basata su una creazione controllata ed esponenzialmente decrescente, con una produzione limitata a 21 milioni e una copertura mondiale. E soprattutto è un asset digitale. Tutte le cose nel mondo digitale crescono radicalmente in modo diverso dal mondo reale. Lo abbiamo già imparato con il web 2.0. Non deve quindi sorprenderci che Bitcoin e altre criptovalute raggiungano nell'immediato trend rialzisti difficilmente spiegabili per qualsiasi tipo di mercato lontano dalla realtà digitale. Perché il mondo digitale è molto diverso da quello reale sia per progressione che per numeri e forma di crescita. Forse è per questo che è così difficile accettare con una certa logica che la valuta abbia aumentato il suo prezzo negli ultimi tempi. Anche se in realtà ha seguito una traiettoria più o meno prevista nel 2014** e che presenta enormi analogie con la curva di crescita dell'asset aurifero*** negli anni 70. E l'oro non era e non è una bolla. 

In effetti, il mondo digitale ci ha già mostrato che procede geometricamente e non aritmeticamente. Se nel 98 ci avessero detto che tra qualche anno ci sarebbe stata una specie di associazione che potesse essere il secondo Paese al mondo per numero di soci, come lo è attualmente Facebook, ci avrebbero bollato direttamente come pazzi perché noi non era possibile organizzare qualcosa di quelle caratteristiche. Tuttavia, oggi Facebook è una realtà di 1.100 milioni di persone, quando le più grandi associazioni del mondo reale, con strutture secolari e complessi sistemi operativi burocratici, arrivano a malapena a raggiungere un milione di membri, così come lo è il caso di Croce Rossa. Ancora una volta i numeri del mondo digitale non possono essere confrontati con quelli del mondo reale. Si muovono con parametri e scenari diversi. 

In questo modo, il prevedibile del prezzo di Bitcoin nei prossimi anni, che sarà accompagnato da incursioni nei mercati azionari o futures come è successo ultimamente con CBOE o CME, sarà una progressione inarrestabile non senza alti e bassi come abbiamo già visto negli ultimi giorni di dicembre. Chi è da tempo nel mondo della crypto finance si è già abituato a questi alti e bassi e può osservare con relativa tranquillità come Bitcoin un giorno scende fino al 20% e il giorno dopo sale del 30% rispetto a una corrente che fino ad ora è stato rialzista. Questi incredibili movimenti per il mondo reale sono completamente comuni nel mondo digitale. 

In qualsiasi caso, ci sono un buon numero di incognite che segneranno il futuro, come l'entrata in funzione della rete Bitcoin lightning, la regolamentazione che gli Stati imporranno, le importanti sfide di sicurezza che dovrà affrontare e il fenomeno della bitcoinizzazione di alcune economie tra gli altri. Ciò segnerà un futuro rialzista e aiuterà a stabilire il tasso di consolidamento della moneta. Ma Bitcoin è qui per restare e per lanciare, insieme alla sua tecnologia di base, la blockchain, l'Internet dei valori che dispiegherà un'economia alternativa a quella tradizionale, con parametri e modalità di funzionamento propri e con un'economia decentralizzata, universale carattere. , disintermediato e più democratico, dove gli utenti saranno proprietari dei propri beni senza intermediari coinvolti. È solo una questione di tempo. ______________________________________________________________ * guarda http://time.com/money/5066095/bitcoin-cryptocurrency-bubble-pop-signals/?utm_source=time.com&utm_medium=email&utm_campaign=the-brief&utm_content=2017122011am&xid=newsletter-brief 

** https://steemit.com/bitcoin/@jonasbostoen/extremely-accurate-bitcoin-price-prediction-chart-from-2014  
 *** https://medium.com/swlh/will-the-futures-market-do-to-bitcoin-what-it-did-to-gold-b7d35704641 

È digitale, stupido.

Joaquín López Lerida 
 (http://es.linkedin.com/in/joaquinlopezlerida/) è Dottore in Informatica, Ingegnere delle Telecomunicazioni e Master in Executive Coaching presso AECOP. Attualmente è CEO di Kolokium (www.kolokium.es), una società dedicata allo sviluppo di tecnologie blockchain. Inoltre, è professore di economia digitale presso la School of Industrial Organization (www.eoi.es) e direttore della conferenza TEDxSevilla (www.tedxsevilla.com). È autore del libro “The blockchain economy: the business models of the new web”, la pubblicazione sulla blockchain più venduta in spagnolo nel mondo nel 2016. 

In precedenza, ha partecipato e lanciato diverse start-up focalizzate principalmente sul business digitale ed è stato direttore tecnologico di Sandetel SA, direttore del commercio elettronico di Arthur Andersen, professore associato presso l'Università Autonoma di Madrid, Politecnico di Madrid e Alfonso X El Sabio University of Madrid e ricercatore presso la Stanford University, California. 

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

È digitale, stupido.
Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Chi l'Autore

Javier Fernandez-Samaniego

Javier Fernandez-Samaniego

Managing Partner di Samaniego Law, studio legale specializzato nella risoluzione dei conflitti e nel diritto delle nuove tecnologie. Membro del Consiglio Accademico di Fide

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Altri articoli di questo autore

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.