es Español

Scenario attuale e prospettive per l'energia: alcune idee su cui riflettere a lungo termine

"I leader politici e aziendali da anni inviano il messaggio sbagliato che la transizione energetica è a costo zero"

Nel 2022 sono trascorsi novant'anni dall'approvazione da parte del parlamento della Seconda Repubblica della Legge n Riforma agraria. Questa era una delle questioni centrali della politica spagnola negli anni 1931-1936, eppure, in quegli anni, il mondo si stava già muovendo pienamente verso un sistema di produzione basato sull'elettricità e sul petrolio.

In questo momento, con rivoluzione digitale nella forma della terza rivoluzione industriale in pieno svolgimento e come una grande sfida strutturale della nostra economia, paradossalmente troviamo ancora una volta che la sfida di elettrificare l'economia e di definire le regole per produrre e premiare detta energia elettrica sta diventando una questione centrale nella politica spagnola.

Il livello di confronto che il problema di regolazione energetica, e l'elettricità in particolare, non sarà mai la stessa della ridistribuzione della proprietà fondiaria nel 1932, ma condizionerà senza dubbio fortemente il dibattito politico nei prossimi anni, e non solo in Spagna. Ne stiamo già vedendo i primi segni.

Come nel 1932 in relazione alla riforma agraria, c'è un certo consenso di fondo: allora il consenso era basato sulla necessità di rendere la terra più produttiva di quanto non fosse, ed ora è la necessità di decarbonizzare il sistema primario e secondario energia che, in pratica, consiste essenzialmente nella sua elettrificazione attraverso l'utilizzo di fonti di generazione rinnovabili.

Il problema di transizioni strutturali è quello di determinare come viene distribuito il suo costo e chi risarcisce coloro che sono stati colpiti dalla transizione. Quello che nel 1932 era il dibattito sull'espropriazione senza compenso è oggi il dibattito sulla remunerazione delle tecnologie inframarginali in un mercato marginale. Ma la domanda può essere semplificata: come viene pagata la transizione?

E qui troviamo il primo problema fondamentale. Leader politici e imprenditori da anni hanno spostato il messaggio errato che detta transizione non ha alcun costo. I cittadini comuni sono molto favorevoli alla transizione energetica, ma non sono consapevoli del costo che dovranno pagare (economico e ambientale). Ciò non accade con altre infrastrutture come i trasporti o la sanità dove il dibattito è molto più maturo e quindi più adeguato alle regole della democrazia.

Per realizzare la transizione energetica occorre costruire nuovi impianti di produzione, smantellando molti di quelli esistenti; distribuire quell'energia con reti molto più costose di quelle attuali; e per supportare un sistema produttivo naturalmente molto instabile con tecnologie oggi immature e molto costose. Tutto ciò richiede ingenti investimenti. Di grande rilievo sono invece le problematiche ambientali quali, ad esempio, l'intensità dell'occupazione dello spazio fisico da parte degli impianti solari ed eolici e la scarsità di risorse minerarie per la produzione di apparecchiature.

Ed è qui che si rompe il consenso, poiché sarebbe possibile fare molto rapidamente la transizione energetica, ma pagare queste infrastrutture renderebbe necessario alzare molto il prezzo dell'energia e, quindi, della maggior parte dei prodotti e servizi. Questa spesa è una priorità? Come dovrebbe essere pagato? Stiamo vivendo un momento di "consapevolezza" su questo problema in vista dello shock causato dall'invasione russa dell'Ucraina e delle restrizioni di approvvigionamento dovute al cambio dei fornitori di gas. Est il problema è circostanziale ma ha avuto la capacità di mettere sul tavolo il problema strutturale. Anche nel caso della riforma agraria si è rotto il consenso quando è stato necessario determinare come venivano pagati gli espropri.

È possibile che il progresso tecnologico e il miglioramento delle strozzature produttive risolvano il problema della produzione di energia nei prossimi 20 anni, così come il miglioramento della produttività agricola ha fatto scomparire il problema della riforma agraria a partire dagli anni Cinquanta. Ma tornando all'energia, mentre ciò accade, se accade, dobbiamo decidere come investire le risorsecasoSo che abbiamo. E qui arriva il dibattito fondamentale.

Alcune idee a riguardo:

  • Per risolvere qualsiasi problema prima c'è prima quello ammettere gli errori e il principale è stato l'enorme investimento fatto nelle rinnovabili prima della maturità tecnologica. La sola Spagna ha investito la cifra astronomica di oltre 100.000 milioni di euro in sussidi per la realizzazione di infrastrutture di produzione di energia a bassissima efficienza che oggi danno scarso valore in termini di produzione di energia elettrica (quelle realizzate fino al 2014 in regime tariffario regolamentato). Per contestualizzare il dato, il costo del salvataggio del sistema finanziario per il FROB è stato di “soli” 66.000 milioni di euro. Il problema è capitale e non è stato oggetto di dibattito. Partiamo male se non discutiamo e non accettiamo i nostri errori.
  • È essenziale il file analisi costi benefici di qualsiasi misura. La pianificazione della transizione energetica richiede che i governi facciano anche uno sforzo per misurare il costo, spiegarlo al pubblico e, in definitiva, affermare quanto più verrà pagato da cittadini e imprese (perché è evidente che pagherai di più) e Quali costi ambientali dovremo affrontare?. Ciò consentirà una valutazione razionale di qualsiasi opzione tecnologica.
  • Nessuna tecnologia può essere concettualmente superflua. Il dibattito nucleare è estremamente povero. Valutiamo correttamente il costo (compresi quelli ambientali ovviamente) prima di decidere.
  • Allo stesso tempo, la pianificazione deve dar vita a un mercato neutrale nelle alternative tecnologiche e incoraggiare la concorrenza in mercati trasparenti. È possibile che alternative come “Eccezione iberica” sono valide nel breve termine, ma l'esclusione di una tecnologia (di cui a quanto pare ci vorranno ancora molti anni) dal mercato e la "fissazione di un prezzo intervenuto", come è stato fatto, non possono essere una soluzione a lungo termine.
  • non possiamo arrenderci investire nello sviluppo industriale di nuove tecnologie. Se degli oltre 100.000 milioni di euro che abbiamo investito in tecnologie rinnovabili di "prima generazione" altamente inefficienti, avessimo investito il 10% nella scienza di base dei nuovi materiali per pannelli e stoccaggio, la Spagna affronterebbe il futuro in modo diverso.

Juan Martinez Calvo

Partner di Simmons & Simmons

Articolo originariamente pubblicato nel blog Fide nel confideufficiale

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.