es Español

Fide collabora alla presentazione del libro “Europa contro USA e Cina: Prevenire il declino nell'era dell'intelligenza artificiale”

"Il libro analizza in profondità i fattori che spiegano il ritardo dell'Europa nell'economia digitale rispetto a Cina e Stati Uniti. Sintesi di Álvaro Lobato."

In virtù dei rapporti istituzionali che Fide sostiene, vi invitiamo al dibattito "Sfide e dilemmi dell'economia digitale: Europa e Spagna di fronte al mondo" in occasione della presentazione del libro "Europa contro Stati Uniti e Cina. Prevenire il declino nell'era dell'intelligenza artificiale", nel Luigi Moreno y Andres Pedreño.

Il dibattito sarà caratterizzato da una tavola rotonda con la partecipazione di: Miguel Alava, Iñaki Berenguer, Alicia García-Herrero e Andrés Pedreño.

Il libro approfondisce i fattori che spiegano il ritardo dell'Europa nell'economia digitale rispetto alla Cina e agli Stati Uniti. In 14 capitoli scompongono temi come le politiche storiche applicate, la regolamentazione, gli investimenti in R&S, gli ecosistemi dell'innovazione digitale, le startup e i loro problemi di scalabilità, le politiche educative, l'attrazione, lo sviluppo e la fidelizzazione del talento e della carta delle pubbliche amministrazioni. In ogni capitolo vengono fatte proposte specifiche per correggere l'handicap europeo.

In un capitolo specifico, l'attenzione è dedicata allo sconvolgimento che l'economia digitale produce nell'attuale corpo teorico (formazione dei prezzi, sistema finanziario, conoscenza aperta, impatto sul mercato del lavoro⿦).

Registrazione: Accedi alla registrazione nella presentazione attraverso questo link

ore: La sessione si svolgerà 19: 00 20 a: ore 00
Luogo della celebrazione: Paseo de Juan XXIII, 3, 28040 Madrid (campus universitario)

PREVENIRE IL DECLINO: DI ÁLVARO LOBATO

Raramente è un libro capace di catturare lo spirito di un'epoca così acutamente come l'opera Luis Moreno e Andrés Pedreño”Prevenire declino nell'era dell'intelligenza artificialePerché è un saggio scritto in un momento di transizione - l'era dell'Intelligenza Artificiale - in cui le tendenze non sono ancora delineate in modo definitivo e, inoltre, fa una corretta diagnosi delle sfide e dei rischi che dobbiamo affrontare in per affrontare con successo il futuro.

Sebbene per loro stessa natura i tempi di transizione non siano inclini al consenso, sembra esserci una certa unanimità nell'ammettere che siamo alle soglie di un'era dirompente caratterizzata dall'emergere di quella che è stata chiamata Intelligenza Artificiale, un'esplosione tecnologica che sta accendendo una nuova economia digitale.

Questo nuovo modello economico che si basa su nuove tecnologie dirompenti altererà definitivamente tutte le attuali strutture sociali ed economiche e trasformerà profondamente tutti i settori dell'economia e della società. In questa nuova era, il talento diventerà il ingresso fondamentale della nuova economia della conoscenza.

In questo nuovo scenario, i settori tradizionali e i Paesi che non si adeguano alla nuova economia digitale restano decisamente indietro. Di fronte alla concorrenza di Cina e Stati Uniti, che hanno avviato una corsa alla rivoluzione tecnologica, in Europa, ossessionata dalla cultura della regolamentazione e da quella che gli autori chiamano "la trappola della leadership normativa", il digital divide si allarga con i più concorrenti immediati.

L'analisi acuta degli autori non si limita a questa diagnosi precisa e preventiva. La seconda e la terza parte del libro in modo sintetico e ordinato è dedicata all'elaborazione di alternative e proposte di soluzioni concrete come la necessaria rivoluzione nell'educazione e nel talento nel quadro di queste nuove tecnologie dirompenti, la creazione di ecosistemi digitali, l'inevitabile trasformazione della Pubblica Amministrazione o il cambiamento teorico in ambito accademico per comprendere i nuovi fenomeni posti dall'emergere dell'economia digitale.

Si tratta, insomma, di un'opera altamente consigliata, in cui insieme a una diagnosi illustrata da una mole enorme di dati, vengono offerte alternative e approcci suggestivi che invitano a riflettere sul nostro immediato futuro sia internamente che nel quadro geografico e politico in cui il nostro Paese è inserito.

Álvaro Lobato Lavin

patrono di Fide

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Un commento

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.