es Español

Identità digitale europea: un elemento chiave del mercato unico digitale - DDSP

"Come strutturare un'identità digitale europea che funzioni nel mercato criptoattivo, soprattutto nelle sue soluzioni più decentralizzate?"
Condividi su twitter
Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Confronta e-mail

Ieri abbiamo tenuto una sessione nel gruppo di lavoro DDSP de Fide Fondazione su "Identità Digitale Europea". Credo fermamente che sia una spina dorsale di opportunità per realizzare il mercato unico digitale. La Commissione Europea ha proposto a giugno la creazione di un “Portafoglio Europeo dell'Identità Digitale” e contemporaneamente è in via di finalizzazione la negoziazione del nuovo Regolamento eIDAS. Con la moderazione di Montse Guardia Güell, ascoltiamo l'andamento del Valuta nazionale e fabbrica di francobolli  tramite  Plaza José Manuel Panizo, discutiamo con Nacho Alamillo domenica sull'ambito e sullo stato del regolamento eIDAS e sui lavori di normalizzazione dal Ecosistema blockchain di Alastria e il suo protocollo di autenticazione e abbiamo le opinioni del Banca di Spagna con Carlos Piqueras. L'identità digitale europea è un tema centrale del successo futuro euro digitaleNon solo per un possibile controllo dei limiti di emissione, ma anche perché l'onboarding secondo i principi del regolamento eIDAS deve essere non solo robusto, ma anche conveniente per gli utenti.

  • Oggi l'ecosistema dei fornitori di soluzioni intorno alla futura identità digitale europea non è chiaro. Mentre paesi come l'Italia hanno creato un quadro competitivo per i fornitori di servizi di identità autenticati su mandato delle autorità pubbliche, altri paesi europei non hanno ancora stabilito un quadro chiaro.
  • Se i dati sono di proprietà dei cittadini e non possono essere monetizzati, quali sono gli incentivi per i fornitori di soluzioni di identità? Dovrebbero far pagare i clienti?
  • Le soluzioni europee dovrebbero essere interoperabili. Le grandi piattaforme tecnologiche hanno fatto del "facile inserimento" un'affermazione per attirare traffico online e le nuove soluzioni di identità digitale dovrebbero competere con gli utenti con soluzioni già consolidate.
  • Come strutturare un'identità digitale europea che funzioni nel mercato degli asset critici, soprattutto nelle sue soluzioni più decentralizzate?
  • Come conciliare la fornitura di identità da parte delle autorità pubbliche e da parte delle aziende private quando abbiamo bisogno di identità diverse in contesti diversi, in modo che il cittadino sia proprietario della propria identità? La questione è così cruciale per l'Europa che deve trovare una soluzione: "o lo facciamo noi o ce lo fanno loro" (in un certo senso abbiamo una sfida simile con l'European Payment Initiative (#DPI)
  • Esiste un settore che potrebbe essere il "motore di adozione" dell'identità digitale, come le piattaforme di pagamento?

Queste sono solo alcune delle questioni sollevate durante l'incontro.

Enrico Tito

Direttore del gruppo di lavoro sulla moneta digitale e sui sistemi di pagamento (DDSP)

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su LinkedIn
LinkedIn
Condividi su Facebook
Facebook
Confronta e-mail
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.