es Español

Gruppo di lavoro

Cambiamento climatico e transizione energetica

Perché?

La legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica è uno strumento chiave per garantire il rispetto degli impegni della Spagna nei confronti dell'UE in materia di energia e clima nel quadro dell'accordo di Parigi contro il riscaldamento globale.
 
Il trasferimento del set di impegni assunti a livello internazionale ed europeo richiede che la Spagna sia dotata di un quadro normativo che includa gli obiettivi di medio e lungo termine di riduzione delle emissioni di gas serra e che fornisca un solido supporto legale per la pianificazione in materia energetica.
 
Sebbene tutti i gruppi dell'arco parlamentare e della società civile condividano la necessità di redigere una legge che stabilisca un quadro istituzionale stabile in questo settore, esistono discrepanze sul suo contenuto e sulla sua portata.
 
Il Gruppo di Lavoro Cambiamento Climatico e Transizione Energetica, istituito in FIDE, aveva l'obiettivo fondamentale di collaborare attivamente al dibattito di una delle poche iniziative legislative che potranno prosperare nei prossimi due anni.

pubblicazioni

Proposte del gruppo di lavoro Fide: progetto di legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica

Il 24 gennaio 2019 si è svolta la cerimonia di presentazione delle «Proposte del Gruppo di Lavoro Fide: Progetto Preliminare di Legge sui Cambiamenti Climatici e la Transizione Energetica». 

All'inizio della manifestazione sono intervenuti: 

  • Cristina Jiménez Savurido, Presidente di Fide. Magistrato in aspettativa 
  • Mariano Bacigalupo Saggese, Professore dell'Università, Dipartimento di Diritto Amministrativo dell'UNED. Membro del Consiglio Accademico della Fide
  • Guillermina Yanguas Montero, Magistrato e dottore in giurisprudenza 
  • Valentin Alfaya Arias, Direttore Salute e Sicurezza, Qualità e Ambiente di Ferrovial
Le principali conclusioni raggiunte dal gruppo di lavoro sono le seguenti: 
 
  1. L'approvazione di una legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica è un impegno inevitabile che non consente ritardi.
  2. Il gruppo di lavoro considera, in modo maggioritario, il momento ideale per l'emanazione di una legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica. L'approvazione di questa legge è un'opportunità per la Spagna di trasmettere un'immagine di un paese impegnato nella lotta al cambiamento climatico.
  3. La lotta al cambiamento climatico e alla transizione energetica rappresenta un'opportunità che la Spagna non deve perdere. È necessaria una trasformazione del modello in cui la crescita economica è disaccoppiata dalle emissioni di gas serra, sebbene sia essenziale garantire che questa transizione avvenga senza che la Spagna sia svantaggiata rispetto ad altri paesi della sua regione.
  4. La Spagna è chiamata ad occupare una posizione di leadership nell'attuale quadro socio-politico nella lotta al cambiamento climatico. L'approvazione di una legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica può essere un chiaro segno di questo ruolo che la Spagna vuole svolgere. Questo protagonismo e leadership della Spagna nell'UE e nel quadro internazionale è giustificato, tra molte altre ragioni, dalla maggiore vulnerabilità della Spagna agli effetti del cambiamento climatico.
  5. Ci sono opinioni dissenzienti nel gruppo di lavoro riguardo al grado di ambizione della legge sulla transizione energetica e sui cambiamenti climatici.
  6. Nella GTCCyTE è stata rilevata una disparità di criteri per quanto riguarda la neutralità tecnologica. Pertanto, e contro coloro che ritengono che LCCyTE debba determinare le tecnologie applicabili, altri membri difendono la necessità di essere flessibili nel modo di raggiungere gli obiettivi stabiliti, data l'incertezza riguardo alle tecnologie che possono essere utilizzate in futuro, senza che nessuno dovrebbe essere vietato, poiché il raggiungimento degli obiettivi potrebbe non solo essere inutilmente costoso, ma anche il loro raggiungimento potrebbe essere compromesso.
  7. Il consenso e la partecipazione sono essenziali per la corretta applicazione della legge sulla transizione energetica e sui cambiamenti climatici. I messaggi che generano incertezza giuridica dovrebbero essere evitati e dovrebbe essere promosso un processo di trasformazione ordinato che eviti la riluttanza.
  8. Il gruppo di lavoro ritiene che sia necessario un maggiore impegno del settore pubblico nella lotta al cambiamento climatico. Le misure contenute nella LCCyTE incidono in modo decisivo sul settore privato e non hanno lo stesso grado di forza per quanto riguarda le politiche pubbliche.
  9. È essenziale una riforma approfondita della tassazione ambientale. Sebbene il progetto di legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica indichi quali dovrebbero essere gli obiettivi di questo sistema fiscale, è necessario tradurre questi obiettivi in ​​una vera riforma fiscale.
  10. Da un punto di vista tecnico normativo, il progetto di legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica soffre di una mancanza di uniformità. La legge sulla transizione energetica e sui cambiamenti climatici deve rispettare i principi di una buona regolamentazione e deve essere accompagnata dal corrispondente rapporto di analisi dell'impatto normativo.
 
La legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica deve garantire il rispetto dei principi del diritto dell'Unione (come la libera circolazione delle merci) e dei poteri attribuiti alle diverse amministrazioni pubbliche e, soprattutto, quelle autonome. 

Articoli correlati

Conversazioni Fide: progetto di legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica

  • Valentine Alfaya, Direttore della sostenibilità presso Ferrovial
  • Carlos de Miguel, Avvocato presso Uría Menéndez, Professore presso la Facoltà di Giurisprudenza ICADE (Università di Comillas)
Riproduci video

Amministratori del gruppo

Valentin Alfaya Arias

Direttore della sostenibilità presso Ferrovial

Mariano Bacigalupo Saggese

Professore universitario, Dipartimento di diritto amministrativo dell'UNED. Membro del Consiglio Accademico della Fide

Carlos de Miguel

Avvocato. Professore presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'ICADE (Università di Comillas).

Luis Jesus Sánchez De Tembleque

Segretario esecutivo della Ibero-American Association of Energy Regulatory Entities (ARIAE), che raggruppa 27 organismi di regolamentazione energetica di 20 paesi iberoamericani.

Guillermina Yanguas Montero

Magistrato e dottore in giurisprudenza. Membro del Consiglio Accademico della Fide.

Coordinamento accademico: Silvia Organista

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.