es Español

Banche e mercato

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Facebook
Condividi via email
Condividi su whatsapp
"La dipendenza delle imprese europee dal finanziamento bancario è eccessiva e questo ostacola il loro accesso a fondi propri o a nuovi finanziamenti esterni. L'obiettivo dell'Unione europea è ridurre il peso percentuale del settore bancario. E il modello è il mercato statunitense, dove solo tra l'8% e il 12% delle passività delle imprese è debito bancario, rispetto al 30% nell'Ue".

Chi è interessato alla riforma monetaria e alla liberalizzazione bancaria dovrebbe leggere l'intervento di Rodrigo Buenaventura, Presidente della CNMV, al "Meeting sul settore finanziario" organizzato da ABC, Deloitte e Appraisal Society.

Questa settimana sono stati pubblicati molti documenti interessanti. La BRI ha pubblicato il suo rapporto annuale sulle CBDC e un altro sulle loro possibilità di migliorare i pagamenti transfrontalieri. E l'FMI ha dedicato il capitolo 2 del suo rapporto sulla stabilità alle criptovalute.

Ma chi ha poco tempo dovrebbe usarlo per ascoltare l'intervento del presidente della CNMV perché ha parlato di quello che pochi parlano, di quella parte del sistema finanziario che funziona secondo il mercato e che in alcuni paesi è già più importante dell'attività bancaria, fortemente soggetta all'interventismo e al protezionismo dello Stato.

Buenaventura ha ricordato che la parte del settore finanziario che opera sotto disciplina di mercato"svolgerà un ruolo essenziale nel prossimo decennio”. E soprattutto in Europa, poiché “La dipendenza delle aziende europee dai finanziamenti bancari è eccessiva e che ostacola il loro accesso a fondi propri o a nuovi finanziamenti esterni".

Es un obiettivo dell'Unione Europea" ridurre il peso percentuale del settore bancario. E il modello è il mercato statunitense, dove solo tra l'8% e il 12% delle passività aziendali è debito bancario, rispetto al 30% nell'UE."

Questo dovrebbe essere ovvio, ma non lo è. La confusione di "settore finanziario" con "settore bancario" è molto diffusa e porta a gravi errori nella diagnosi dei problemi. C'è ancora chi parla di “crisi finanziaria” iniziata nel 2008 quando la cosa giusta da fare è chiamarla “crisi bancaria”. Per questo le riflessioni di Buenaventura sull'abuso del concetto di “banca ombra” sono di particolare interesse e soprattutto per la sua possibile utilizzo per ridurre la concorrenza nel sistema finanziario.

La nozione di "banca ombra" è stata utilizzata molto tempo dopo la grande crisi bancaria dell'ultimo decennio per diluire la "colpa" degli istituti di deposito e cercare di convincere l'opinione pubblica della responsabilità nella crisi di altri istituti finanziari.

Oggi è noto che gli aiuti che sono stati iniettati in un assicuratore come l'AIG oi Money Market Funds avevano un obiettivo chiaro: salvare le banche nordamericane. E numerosi studi macroprudenziali hanno dimostrato che Le attività bancarie ombra mettono a rischio il flusso di denaro solo quando influiscono sul settore bancario.

Ora, i seri problemi di redditività delle banche hanno portato alcuni a richiedere l'imposizione di requisiti patrimoniali a soggetti non bancari che hanno senso chiedere alle banche solo perché aiutano a ridurre il rischio di crolli del flusso di denaro. Gli enti del cosiddetto sistema bancario ombra non creano di per sé problemi di sistema, anche se è vero che possono crearli - e molto gravi - a causa del loro rapporto con il sistema bancario. Ma in questo caso La regolamentazione non dovrebbe imporre requisiti prudenziali alle attività soggette alla disciplina di mercato, ma dovrebbe occuparsi di impedire alle banche di rendere pericolosi i loro rapporti con esse.

Purtroppo la pratica del "copia e incolla" è oggi molto diffusa. Molti analisti, e anche regolatori bancari, ripetono - senza averci pensato bene - il mantra che è necessario imporre requisiti simili a quelli imposti alle banche ai non bancari. Ecco perché è apprezzato che il presidente della CNMV non abbia fatto un "copia e incolla" e abbia condiviso le sue riflessioni circondato da relatori del settore bancario.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Banche e mercato
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su Facebook
Facebook
Condividi via email
E-mail

Chi l'Autore

Miguel A. Fernández Ordóñez

Miguel A. Fernández Ordóñez

Economista di Stato. Ex governatore della Banca di Spagna e membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE). Attualmente insegna Seminari sulla politica monetaria e la regolamentazione finanziaria presso IEUniversity.

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Altri articoli di questo autore

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.