es Español

L'Europa digitale in arrivo

"Senza dover leggere molto tra le righe, l'ambiziosa strategia mostra la frustrazione per il ruolo marginale che l'Europa gioca su un tabellone che ha dominato la Silicon Valley e ora Shenzhen per decenni".

La nuova Commissione Europea ha annunciato lo scorso febbraio la sua strategia digitale nella Comunicazione "Plasmare l'Europa digitale “Con l'ambizioso obiettivo di posizionare l'Europa come leader mondiale nella nuova economia dei dati e nei sistemi di intelligenza artificiale (AI) affidabili. Senza dover leggere molto tra le righe, l'ambiziosa strategia mostra la frustrazione per il ruolo marginale che l'Europa gioca su un tabellone che ha dominato per decenni la Silicon Valley e ora anche Shenzhen. L'intera proposta poggia sulla necessità per l'Europa di dotarsi di “sovranità digitale” per poter sviluppare le proprie capacità senza dipendenze esterne. Sebbene si insista sul fatto che l'Europa non vuole definire questa sovranità digitale in modo difensivo "contro chiunque" e che rimane aperta a tutti indipendentemente dal paese di origine, si chiarisce che chi gioca in Europa deve rispettare la sua "sovranità sociale". modello” e le sue regole e standard.

La Commissione ritiene che la forza della protezione dei diritti e dei valori fondamentali dell'Europa e il suo potere normativo possano diventare grandi alleati nel plasmare questo futuro digitale. L'ambizioso progetto che ha rappresentato il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (RGPD) che l'Europa è riuscita ad esportare nel mondo come standard internazionale di riferimento rafforza questa idea. L'Europa ha davanti la costruzione della sua futura generazione di infrastrutture, l'imminente dispiegamento del 5G e tutta una serie di progetti di cloud computing affidabili ed efficienti dal punto di vista energetico in cui può iniziare a specificare le sue nuove politiche.

In questo contesto e mentre, a causa della pandemia, sono stati messi in discussione principi fondamentali della politica europea della concorrenza, come il divieto di aiuti di Stato (articolo 107 del Trattato), il 2 giugno la Commissione Europea ha dato il segnale di partenza alle riforme che intende recepire nelle regole di concorrenza esistenti per far fronte ai presunti pericoli che le piattaforme dominanti o incumbent (ovvero le "Big Tech") hanno per la concorrenza seguendo le raccomandazioni del "Rapporto Cremer ”Commissionato dal Commissario Vestager. Secondo la Commissione, le dimensioni contano in questo ambiente (effetto scala), gli effetti di rete generati da queste mega piattaforme rendono difficile l'ingresso di nuovi concorrenti e, infine, la loro straordinaria capacità di raccogliere e utilizzare grandi quantità di dati a proprio vantaggio rende praticamente impossibile competere con loro e inefficaci gli strumenti concorrenziali esistenti fino ad oggi (comprese le multe multimilionarie).

Di fronte ai “nuovi rischi”, la Commissione propone una strategia incentrata su tre pilastri. In primo luogo, l'applicazione rigorosa e continuativa delle regole di concorrenza in vigore contro le intese e gli accordi anticoncorrenziali e gli abusi di posizione dominante (articoli 101 e 102 del Trattato), compreso il ricorso a misure provvisorie e correttive ove necessario. In secondo luogo, la possibilità di dotarsi di un nuovo strumento concorrenziale (il "NCT" o Nuovo strumento di concorrenza Competition) affrontare problemi strutturali rilevanti in mercati che non possono essere affrontati o che non possono essere affrontati nel modo più efficace sulla base delle regole di concorrenza vigenti E, in terzo luogo, l'approvazione di un possibile regolamento ex ante delle piattaforme digitali che preveda requisiti aggiuntivi per quelle che svolgono una funzione di portieri attraverso un nuovo strumento normativo, il Legge sui servizi digitali  o DSA per sostituire le regole dell'e-commerce fino ad oggi esistenti in Europa, che ormai hanno vent'anni.

Com'è noto, la disciplina del commercio elettronico che si applica praticamente in tutto il mondo poggia sul paradigma di un sistema di esonero dalla responsabilità degli intermediari di servizi della società dell'informazione che si limitano a “mero Conduit”, “hosting” o “caching”. ” e che ora viene sfidato a rendere l'ambiente più competitivo e, tra gli altri, a lottare contro notizie false, i contenuti e i prodotti illegali che circolano in rete, ecc. Non si può però dimenticare che la “difesa dell'hosting” è stato lo strumento che ha permesso lo sviluppo di un modello di business online che accoglie migliaia di PMI e che una regolamentazione ormai non allineata con il resto del mondo potrebbe significare un gap con la regolamentazione delle attuali potenze tecnologiche (Stati Uniti e Cina) che indebolisce ulteriormente la posizione dell'Europa in quanto, paradossalmente, quanto più difficile è il mercatini ci sarà meno spazio per le PMI e le start-up e più per “le grandi”.

La consultazione pubblica su entrambi gli strumenti, NCT e DSA, è aperta fino a settembre. È tempo che l'Europa non cada in tentazioni protezionistiche che, alla fine, approfondiscono i rischi esistenti invece di mitigarli, e che smetta di essere il "set cinematografico" - nella metafora usata pochi giorni fa da un antico ministro degli Affari Esteri della Spagna- per diventare un attore principale che impedisce la pietrificazione di due blocchi tecnologici nel mondo.


Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta da Expansión (16/06/20 https://www.expansion.com/opinion/2020/06/16/5ee8a540e5fdea78678b4642.html)
© Javier Fernandez-Samaniego, 2020

Direttore partner. Legge SAMANIEGO.
javier.samaniego@samaniegolaw.com

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

L'Europa digitale in arrivo
Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Chi l'Autore

Javier Fernandez-Samaniego

Javier Fernandez-Samaniego

Managing Partner di Samaniego Law, studio legale specializzato nella risoluzione dei conflitti e nel diritto delle nuove tecnologie. Membro del Consiglio Accademico di Fide

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Altri articoli di questo autore

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.