es Español

Il quadrato

"Speriamo che i politici si incontrino in luoghi da condividere"

Arriva in piazza e tutto si apre. Tutto mormora. Tutto svolazza. Tutto trema. Ma, allo stesso tempo, tutto si ferma. In quel momento è meglio tacere il rumore e saper ascoltare nel silenzio. La foto fissa della piazza informa, comunica, trasmette, ispira, plasma. Parla e ascolta. L'intero gruppo di persone che completano il paesaggio e lo creano allo stesso tempo vive individualmente, da solo o con altri, ma c'è un gruppo che si attrae solo unendo tutto e osservando attentamente il tutto.

La piazza come luogo di incontro e disaccordo. Arrivo e addio, ma sempre sapendo che quello che vince sta arrivando. Siediti e guarda.

Quando arrivo in una piazza sento sempre che davanti ai miei occhi si aprono opportunità e possibilità diverse tra cui scegliere. La piazza vive e ha vita. Quando ci si siede, su una panca di legno o di pietra, o magari su un terrazzo, tutto ruota intorno a tutti ea se stessi. Perché ogni uomo, donna, ha il suo ruolo da protagonista. Anche i bambini che assorbono guardare cosa succede in piazza o giocare. Ognuno ha qualcosa da fare e da dire. Mentre scrivo penso a un palcoscenico ma no, la piazza non è un palcoscenico, perché quello che prevale è ciò che ciascuno è. Nessun costume. La piazza implica la realtà, l'essere te stesso.

Speciali le piazze ad arcate con i loro portici. Con le sue colonne, con il suo riparo. Puoi anche sederti in centro, sul piano libero che trovi per te stesso, per pensare e vivere un po' dell'esistenza data da tutti coloro che condividono il tempo nello stesso luogo; quel tempo, quelle ore. Anche tu dai via una parte di te stesso perché puoi anche essere osservato.

Per tutto inserisco la piazza nei miei pensieri come luogo di incontro e la lego a cosa è e cosa significa un Parlamento. Anche un emiciclo è un arrivo che racchiude nella sua forma e nella sua missione una piazza.

Ad Atene, Piazza Syntagma, Piazza della Costituzione, riunisce elementi che invocano la culla della democrazia. Storia e anche storie di tutte le persone che ci sono state prima o poi. Nella parte alta dominano la piazza il Parlamento e la Tomba del Milite Ignoto. La Guardia Nazionale custodisce continuamente la tomba, gli evzones sono vestiti con le loro uniformi fustanela e zoccoli. La piazza è fiancheggiata dai testi dell'Orazione o discorso funebre di Pericle raccolti dallo storico Tucidide nel racconto della sua Storia della guerra del Peloponneso. Mi sposto nella polis ateniese e nella sua Agorà e penso che la Politica si succeda lungo il fiume della Storia con noi cittadini come protagonisti del nostro stesso destino. Non credo nel destino in quanto tale, ma credo nel lavorare la terra, navigare i mari e fare strada. E quadrati.

La piazza accoglie e ricrea uno spazio in cui convergono le strade. Per questo credo che i partiti politici debbano sempre camminare e lavorare per e per la piazza. Le piazze si trovano solitamente al centro di paesi e città. Sono tutti al centro perché in essi confluiscono vite, sogni, percorsi. “Le nostre vite sono i fiumi che sfociano nel mare”, ci ha detto Jorge Manrique a Coplas alla morte di suo padre.

Ma voglio tornare alla vita frenetica, chiassosa, anche furtiva se la guardiamo da vicino, che le piazze nascondono e mostrano. Quando ne scopri uno, anche se sai che c'è sempre una scoperta quando raggiungi il suo spazio, è importante osservare e ascoltare per qualche secondo. È vero che quello che di solito ci saluta è il colore, il trambusto, il frastuono, ma, per ascoltare e capire davvero la piazza, dobbiamo astrarre dal rumore e immergerci nel suo silenzio.

Ci sono persone che vengono a cercare qualcosa o qualcuno. Altri da cercare o trovare. Vengono tutti per ritrovare se stessi.

Anche i politici sono cittadini. A volte dimentichiamo, o addirittura dimenticano. Si spera che siano in una piazza, in centro, con un'esposizione di strade attraverso le quali scegliere di andare e venire, anche di uscire. Una piazza in cui le vene che le danno vita costituiscono la spina dorsale di una politica costituzionale che conserva e crea allo stesso tempo.

Pericle, nel suo intervento, ha spiegato un testo fondamentale che sopravvive adattandosi ai tempi. Una riflessione politica viva che incoraggia le possibilità dell'uomo e la sua capacità di costruire.

Le piazze sono costruite per essere vissute e per configurare un luogo da condividere, di arrivo e di partenza inteso come percorsi tra cui scegliere. Evocano la libertà di continuare, nel quadro ordinato della nostra democrazia e del nostro potere costituzionale. La Spagna e l'Unione Europea hanno sempre bisogno di un progetto coraggioso per costruire e curare una piazza, l'UE lo è. Il cittadino è stanco e la politica deve diventare politica. Non possiamo svenire.

Susana del Rio

Esperto dell'Unione Europea

Tribune originariamente pubblicato in LA POSTA

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.