es Español

La regolazione dell'impatto ambientale della moda: verso la circolarità auspicata

"Il consumo di prodotti tessili rappresenta attualmente il quarto più grande impatto negativo sull'ambiente e sul cambiamento climatico"

Il consumo di prodotti tessili rappresenta attualmente il quarto maggiore impatto negativo sull'ambiente e il cambiamento climatico, e il terzo più alto nell'uso dell'acqua e del suolo dal punto di vista del ciclo di vita su scala globale.

Il fenomeno di moda veloce e la tendenza a indossare i vestiti per sempre meno tempo prima di disfarsene portato a un modello insostenibile dal punto di vista dell'uso delle risorse.

La sfida ambientale che dobbiamo affrontare per ridurre le emissioni e implementare modelli di produzione e consumo più circolari, come verificato nella recente COP27, ha determinato che il legislatore, sia europeo che nazionale, si è preoccupato di questo problema ambientale.

di preoccupazione a causa degli impatti negativi sull'ambiente dovuti al consumo di prodotti tessili viene regolamentato. I rifiuti tessili hanno iniziato a essere regolamentati in modo specifico e stanno arrivando regolamenti in relazione all'ecodesign dell'abbigliamento. È necessaria la transizione verso una produzione e un consumo più sostenibili e circolari.

La Legge sui rifiuti e sui suoli contaminati per un'economia circolare, approvata lo scorso aprile, è la primo testo legale che fa riferimento in Spagna ai rifiuti tessili. Questa legge, che recepisce la direttiva sui rifiuti nell'ordinamento spagnolo, disciplina sia la prevenzione della produzione di rifiuti tessili che la loro gestione.

Il legislatore spagnolo, seguendo lo standard europeo, intende promuovere il riutilizzo dei capi tessili. Inoltre, in linea con le preoccupazioni in materia, ha vietato la distruzione delle eccedenze, che devono essere destinati ai canali di riutilizzo, inclusa la donazione.

Inoltre, in tema di gestione dei rifiuti, ha stabilito l'obbligo, già contenuto nella Direttiva, che al 31 dicembre 2024 i rifiuti tessili vengono raccolti in modo differenziato. Entro tale data, inoltre, i produttori di prodotti tessili — concetto che comprende fabbricanti, venditori, importatori o piattaforme di commercio elettronico — devono istituire sistemi di responsabilità estesa del produttore. Ciò significa che questi agenti economici saranno responsabili dei capi tessili che immettono sul mercato e dovranno prendersene cura durante tutto il loro ciclo di vita, anche quando vengono scartati.

Tuttavia, per ridurre l'impatto del settore, non solo è necessario regolamentare la prevenzione e la gestione dei rifiuti tessili, ma occorre anche influenzano anche il design di questi prodotti per renderli più sostenibili e durevoli. In questo senso, l'intenzione dell'Unione Europea è quella di approvare diversi provvedimenti che influenzeranno l'intera filiera produttiva.

La Commissione ha già elaborato una tabella di marcia completa che è stata inserita nella Strategia per la circolarità e la sostenibilità dei prodotti tessili, approvato lo scorso marzo. L'obiettivo dell'UE è questo nel 2030 tutti i prodotti tessili commercializzati nell'Unione Europea sono durevoli e riciclabili, oltre che realizzato in gran parte con fibre riciclate, privo di sostanze pericolose e prodotto nel rispetto dei diritti sociali e dell'ambiente. Inoltre, si prevede che saranno ampiamente disponibili servizi di riutilizzo e riparazione economicamente vantaggiosi. Tutto ciò a garanzia della redditività del settore e della convenienza del tessile.

L'approvazione di un regolamento sulla progettazione ecocompatibile per prodotti sostenibili che stabilire requisiti vincolanti per l'intera Unione Europea per l'ecodesign dell'abbigliamento e altri tessuti, al fine di aumentarne la durabilità, la riparabilità, la riciclabilità e l'uso di materiali riciclati. Al fine di ridurre l'impatto sul clima e sull'ambiente, e raggiungere la tanto attesa circolarità nel settore, il design gioca un ruolo fondamentale.

A sua volta, la Commissione vuole rafforzare la trasparenza ei meccanismi di informazione che i consumatori devono evitare casos lavaggio verde, in cui i marchi sono presentati come più sostenibili di quanto non siano in realtà. Ha lo scopo di rafforzare la fiducia dei consumatori nelle affermazioni ecologiche, introducendo un passaporto digitale per i prodotti tessili o modificando le norme sull'etichettatura.

Contemporaneamente a queste misure c'è un cambiamento nei modelli di consumo. La sostenibilità nelle decisioni di acquisto sta diventando sempre più importante, soprattutto tra 'Millennial' e Generazione Z. Le previsioni indicano che i mercati dell'abbigliamento di seconda mano, che contribuiscono al riutilizzo, raddoppieranno in volume entro il 2026.

marche, spinti da cambiamenti normativi, dalla modifica dei modelli di consumo o dall'implementazione di criteri ESG negli investimenti, stanno compiendo sforzi significativi per promuovere la circolarità e la sostenibilità dei loro modelli.

Siamo di fronte a sfida profonda in cui sarà necessario impiantare soluzioni sistemiche realizzare nel più breve tempo possibile un settore tessile che sia climaticamente neutro, efficiente nell'uso di energia e risorse e che si sviluppi intorno a un modello circolare. Non rimane molto tempo se vogliamo ridurre la nostra impronta climatica e ambientale per mitigare i cambiamenti climatici ed essere più sostenibili.

José Luis Quintana Cortés.

Partner di Rodríguez Castaño Abogados. Avvocato specializzato in diritto amministrativo, ambiente e settori regolamentati.

Articolo originariamente pubblicato nel blog Fide nel confideufficiale

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.