es Español

La rivoluzione del denaro è iniziata

"Sia l'euro digitale che le altre CBDC (denaro pubblico e sicuro), così come le Stable Coin (Stablecoin) garantite al 100% da denaro sicuro, sono valide alternative ai depositi bancari"

5 anni fa, dopo aver studiato i problemi del sistema monetario e bancario ancora in vigore in tutti i paesi del mondo, pubblicai su El País un articolo dal titolo "Denaro rivoluzionario” che iniziava così: “Un fantasma infesta il sistema monetario e finanziario: la possibilità di cambiare l'attuale fragile sistema monetario creato dalle banche private per denaro sicuro”.

Quindi era un'audacia, un'illusione o forse un buon auspicio, annunciare che stava arrivando una rivoluzione. Ma, cinque anni dopo, sono avvenuti molti cambiamenti che giustificano il titolo La rivoluzione del denaro è iniziata l'articolo pubblicato da El País questo giovedì.

Quindi, nel 2018, praticamente tutti i banchieri centrali hanno considerato l'emissione di moneta pubblica digitale non necessaria e persino pericolosa.. E ancora oggi più di 100 banche centrali stanno studiando per dare a tutti i cittadini e a tutte le aziende l'accesso alla moneta digitale pubblica rilasciati dallo Stato per loro tramite.

Non sappiamo come andrà a finire questa rivoluzione ma sia l'euro digitale che le altre CBDC (denaro pubblico e sicuro), così come le monete stabili (Stablecoin) garantite al 100% da denaro sicuro, sono valide alternative ai depositi bancari perché non hanno i seri problemi di instabilità e mancanza di concorrenza che esistono ora.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

La rivoluzione del denaro è iniziata
Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Chi l'Autore

Miguel A. Fernández Ordónez

Miguel A. Fernández Ordónez

Economista di Stato. Ex governatore della Banca di Spagna e membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE). Attualmente insegna Seminari sulla politica monetaria e la regolamentazione finanziaria presso IEUniversity.

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Altri articoli di questo autore

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.