es Español

Le 10 tendenze di business nelle relazioni di lavoro dopo il Covid-19. (Prima parte)

Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Facebook
Condividi via email
Condividi su whatsapp

Aziende e lavoratori affrontano molte incertezze e poche certezze derivate da un'allerta sanitaria che ha prodotto anche a livello globale, ma soprattutto in Spagna, una crisi economica e occupazionale senza precedenti e un devastante effetto dirompente e distruttivo. Un virus naturale noto come SARS-COV-2 ha alterato la vita di milioni di cittadini con un impatto molto negativo sulla salute pubblica (a volte letale). I governi hanno dovuto adottare (nel caso della Spagna, sotto l'ombrello giuridico dello stato di allarme, ai sensi dell'articolo 116 della Costituzione) restrizioni senza precedenti alle libertà e ai diritti fondamentali dei cittadini con misure obbligatorie di chiusura delle attività economiche , mantenimento dei settori essenziali, limitazioni dell'attività in altri settori e obblighi di reclusione dei cittadini. L'economia e l'occupazione sono rimaste in una situazione di “coma indotto” e ora si apre una nuova fase di “migliore normalità” (nelle parole di Guy Ryder, Direttore Generale dell'ILO) con una de-escalation dei cittadini che è anche economica e nel cosiddetto "Piano per la transizione verso una nuova normalità" (Ordinanza 399/2020, del 9 maggio). 

Le 10 tendenze di business nelle relazioni di lavoro dopo il Covid-19. (Prima parte)

I numeri dell'impatto del COVID 19 sull'occupazione: prime vittime. 

La crescita economica globale è letteralmente precipitata. L'ILO stima che nella prima metà del 2020, il 4,5% delle ore lavorative andrà perso a causa della chiusura dei luoghi di lavoro, che equivale a 130 milioni di posti di lavoro a tempo pieno a livello globale e che il COVID -19 e le misure di blocco in tutto il mondo colpiscono quasi 1600 miliardi di lavoratori nell'economia informale, causando una diminuzione del 60 per cento del loro reddito. https://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/@dgreports/@dcomm/ 
documenti / briefingnote / wcms_743154.pdf


Il FMI indica che, nel caso della Spagna, il PIL annuo scenderà almeno dell'8% per cento; il tasso di disoccupazione può superare il 20%; e il deficit pubblico salirà al 9,5% del PIL. Da parte sua, EUROFOUND in una recente indagine europea sull'impatto del COVID 19 sulle condizioni di vita e di lavoro in 27 Stati dell'Unione Europea con diversi parametri riferiti a perdite di lavoro e reddito, insicurezza finanziaria, ottimismo, benessere mentale o fiducia nelle il futuro, che ha incluso un campione di 85.000 lavoratori in Europa, mostra livelli molto negativi nel caso di risposte pervenute dalla Spagna.  https://www.eurofound.europa.eu/sites/default/files/ef_publication/ 
field_ef_document / ef20058en.pdf


Il governo spagnolo è cauto con dati che indicano che la disoccupazione registrata è aumentata dell'8% ad aprile per raggiungere 3.831.203 disoccupati. I volti della crisi occupazionale mostrano già una chiusura del 10% delle piccole e medie imprese; 900.000 posti di lavoro persi (che colpisce soprattutto i lavoratori interinali e gli under 35); e 3,3 milioni di lavoratori e 500.000 aziende interessate da pratiche di lavoro temporaneo (ERTE), a fine aprile, di cui il 90% sarebbe sotto la formula della forza maggiore. Allo stesso modo, le iscrizioni degli affiliati alla Previdenza Sociale sono scese a una cifra di 18.458.667 affiliati, con una perdita dall'inizio del COVID-19 di 947.896 dipendenti. E, infine, i dati sulle prestazioni sociali mostrano che la rete di sostegno economico raggiunge i 6 milioni di lavoratori e gli autonomi (compresi benefici e sussidi), oltre il 30 per cento della forza lavoro occupata.

Dall'iperregolamentazione del lavoro al collasso interpretativo. 

Sono stati approvati in via accelerata i decreti legge in ambito lavorativo ed economico, presentandosi come un nuovo diritto del lavoro, a vocazione transitoria, che è stato classificato come Destra “in” emergenza (Casas Bahamonde) ma si tratta di una norma unilaterale, approvato dal Governo Salvo la relativa eccezione del recente RDL 18/2020 (non negoziato con gli agenti sociali o con i gruppi parlamentari) che ha dimenticato, salvo alcune eccezioni, l'autonomia collettiva e che aggiunge, nell'applicazione pratica, numerose zone d'ombra e imperfezioni . La natura accelerata e alluvionale delle nuove normative ha facilitato l'elevata efficienza per combinare la flessibilità extra che le aziende richiedono nel periodo COVID-19 per evitare una spirale di chiusure, fallimenti e licenziamenti e sicurezza del lavoro e protezione sociale, incorporando lungo il percorso alcuni dei le fasce più deboli (lavoratori interinali, lavoratori a tempo indeterminato discontinuo, colf, liberi professionisti, ecc.). Anche il nesso di alcune istituzioni del lavoro (ERTE, telelavoro, provvedimento di cessazione dell'attività, ecc.) alla validità dello stato di allarme e/o sue estensioni o modifiche è stato insufficiente e imperfetto e ha motivato nuovi adattamenti e decisioni periodiche di il legislatore. 

In questo contesto molto complesso, le nuove normative sul lavoro hanno creato interrogativi e grandi dosi di incertezza giuridica per le aziende nel processo decisionale e sono già in vista le nuove tendenze commerciali nei rapporti di lavoro derivate dal COVID 19 che vengono sviluppate di seguito. 

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Le 10 tendenze di business nelle relazioni di lavoro dopo il Covid-19. (Prima parte)
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su Facebook
Facebook
Condividi via email
E-mail

Chi l'Autore

Carlos de la Torre Garcia

Carlos de la Torre Garcia

Procuratore legale del Dipartimento del lavoro di Baker & Mckenzie. Specialista in consulenza del lavoro e della previdenza sociale per clienti nazionali e internazionali.

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.