es Español

I crediti ICO e la riforma fallimentare

"Alcuni settori economici (soprattutto quelli colpiti dalla guerra) hanno potuto estendere la durata dei loro prestiti con garanzie ICO per sei mesi senza la necessità di negoziare con il proprio istituto finanziario"

Il 17 marzo 2020, per alleviare la crisi economica e sociale conseguente alla crisi sanitaria causata dal COVID-19, il Governo ha pubblicato misure straordinarie. L'obiettivo di questi misure mirate a tutelare e sostenere la sfera produttiva e sociale per ridurre l'impatto della crisi sanitaria e riattivare l'economia.

A tal fine sono state stabilite le diverse misure di garanzia di liquidità per sostenere e motivare l'attività economica attraverso l'approvazione dell'a linea di garanzie da parte dello Stato tramite l'Istituto di Credito Ufficiale (ICO), al fine di rinnovare prestiti in corso o ottenere nuovi finanziamenti tramite istituti di credito.

Lo scorso giugno, il possibilità di prolungare la durata delle garanzie concesso a liberi professionisti e aziende a carico delle linee di garanzia dell'ICO dopo il 30 giugno, decorso il termine del Quadro Temporaneo per gli aiuti di Stato approvato dalla Commissione Europea, sebbene l'effettiva applicazione di tale misura sia subordinata alla preventiva autorizzazione dell'Esecutivo Comunitario.

La proroga della durata delle garanzie dovrebbe consentire alle imprese e ai lavoratori autonomi, previa approvazione dell'istituto finanziario, di estendere la durata di rimborso dei propri prestiti fino a otto o dieci anni. In questo modo, il Governo cerca di facilitare il mantenimento delle imprese sostenibili che hanno difficoltà una volta scaduto il termine, allungando la durata del loro prestito garantito, concedendo loro un margine maggiore per far fronte alle proprie obbligazioni.

La fine della mancanza di crediti ICO, intesa come il periodo in cui le aziende non dovevano pagare il credito alla banca, è scaduta lo scorso giugno. Tuttavia, solo alcuni settori economici (soprattutto quelli colpiti dalla guerra tra Russia e Ucraina) sono stati in grado di estendere la durata dei loro prestiti garantiti dall'ICO per sei mesi senza la necessità di negoziare con il proprio istituto finanziario.

In effetti, una misura richiesta era la proroga del periodo di grazia. Ciò significa che i beneficiari di detti prestiti sono obbligati solo a pagare gli interessi, non il capitale. Così, aumenta la liquidità delle società interessate, gravemente colpite dall'aumento dei tassi di interesse, dagli elevati livelli di inflazione e dal rischio di stagflazione.

Tuttavia, una tale richiesta ha anche molti detrattori poiché ritengono che sia ancora un modo per preservare artificialmente le aziende che sono già in difficoltà economiche.

In tale contesto, vale la pena prendere in considerazione la regolamentazione delle operazioni di rifinanziamento del debito garantite dall'ICO dopo il ultima modifica della Legge Fallimentare, in particolare per quanto riguarda piani o accordi di ristrutturazione.

In questo senso, indicalo Tali crediti derivanti da garanzie pubbliche saranno considerati crediti finanziari. a tutti gli effetti previsti dalla Legge Fallimentare, quali, tra gli altri, la formazione di rami e l'esenzione delle passività insoddisfatte.

Avranno rango di credito ordinario, ferma restando l'esistenza di altre garanzie concesse al credito a capitale garantito, in cui ricoprirà almeno lo stesso rango in ordine di priorità del credito a capitale non garantito.

Agli enti finanziari corrisponderà la rappresentanza dello Stato nelle procedure concorsuali relative ai crediti derivanti dalle garanzie pubbliche. Questi devono effettuare le comunicazioni, esercitare il diritto di voto o presentare le opportune pretese per il riconoscimento e il pagamento dei crediti derivanti dalle garanzie.

Affinché gli istituti di credito possano votare favorevolmente in nome e per conto dello Stato ai piani di ristrutturazione che concedono dilazioni, rateizzazioni e rimozioni degli importi chiesti o riconosciuti, deve ottenere l'approvazione preventiva dell'Agenzia delle Entrate dello Stato. La mancata preventiva autorizzazione determinerà il degrado della garanzia, nella parte che non era stata eseguita o, in altra caso, la conservazione dei diritti di recupero e di riscossione da parte del Ministero corrispondente, senza che il contenuto del Piano o della convenzione produca effetti nei suoi confronti.

La preventiva autorizzazione dell'Agenzia delle Entrate dello Stato si intende rilasciata esclusivamente con riferimento ai crediti derivanti dalle garanzie pubbliche previste dal presente provvedimento, e non pregiudica né vincola il diritto di voto derivante dai residui crediti pubblici classificati come ordinari la cui gestione corrisponde all'Agenzia delle Entrate dello Stato.

L'Agenzia statale dell'amministrazione fiscale dovrebbe determinare parametri chiari, obiettiva, ma, soprattutto, realistica, tanto che all'ottemperanza a detta preventiva autorizzazione si considera ottenuta in breve tempo un positivo silenzio amministrativo.

Va tenuto presente che le società che si ristrutturano hanno probabilmente ottenuto un avallo ICO, quindi se, in pratica, non si ottiene in un modo o nell'altro l'autorizzazione dell'Agenzia delle Entrate dello Stato, sarà difficile che detti tipi di crediti sono interessati dai piani di ristrutturazione.

La preventiva autorizzazione dell'Agenzia delle Entrate dello Stato si intende rilasciata esclusivamente con riferimento ai crediti derivanti dalle garanzie pubbliche previste dal presente provvedimento, e non pregiudica né vincola il diritto di voto derivante dai residui crediti pubblici classificati come ordinari la cui gestione corrisponde all'Agenzia delle Entrate dello Stato.

La dichiarazione di insolvenza produrrà la surrogazione dell'Amministrazione Generale dello Stato da parte del preponente garantito, indipendentemente dal fatto che sia iniziata o meno l'esecuzione della garanzia, essendo quindi l'insolvente titolare del credito. Nonostante quanto sopra, l'entità finanziaria corrispondente continuerà a rappresentare l'operazione finanziaria nel suo insieme.

La nuova norma non risolve la polemica sollevata in relazione al riconoscimento del credito derivato da una garanzia ICO da parte del Ministero dell'Economia e della Trasformazione Digitale.

Il riconoscimento del credito derivato dalla garanzia ICO del Ministero, deve essere effettuato come credito contingente senza importo, con la corrispondente vocazione (ordinario o privilegiato speciale in caso che ci sono garanzie reali). Il credito sarà interamente riconosciuto al momento dell'esecuzione della garanzia e il Ministero versa l'importo all'ente finanziario beneficiario della garanzia e l'importo del credito non potrà mai eccedere l'importo effettivamente pagato all'ente finanziario.

Olga Forner

Partner, capo del dipartimento di diritto fallimentare di Marimón Abogados.

Articolo originariamente pubblicato nel blog Fide nel confideufficiale

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.