es Español

Narrazioni sul prezzo delle criptovalute

"Abbiamo iniziato l'anno con un calo di oltre il 50% in media (al momento in cui scriviamo) del prezzo dei principali asset crittografici. La domanda è se sta accadendo qualcosa di anomalo quando gli asset tradizionali, come i mercati azionari, hanno solo sceso tra l'8% e il 12% dal massimo"

Quando si tratta di capire perché il prezzo degli asset digitali, chiamati anche criptovalute o criptoattivi, fluttua, è importante capire la spiegazione dominante e se è plausibile o se possono esserci una o più narrazioni alternative.

Abbiamo iniziato l'anno con cali di oltre il 50% in media (nel momento in cui scriviamo) del prezzo dei principali crypto asset dai massimi raggiunti da Bitcoin ed Ether lo scorso ottobre rispettivamente di $68.000 e $4.800. Bitcoin ed Ether sono ancora i ammiraglie da un mercato di 16.000 criptovalute con un valore di mercato di circa 1,6 trilioni di dollari. Di conseguenza, i loro movimenti hanno un forte impatto in tutte le categorie. Devi cercare di capire Bitcoin ed Ether per spiegare, almeno attualmente, le variazioni di prezzo del resto.

La domanda è se sta accadendo qualcosa di anormale quando gli asset tradizionali, come i mercati azionari, sono scesi solo dall'8% al 12% rispetto ai picchi, secondo gli indici S&P 500 o Nasdaq 100.

Per dirla in prospettiva, sia Bitcoin che Ether hanno moltiplicato il loro prezzo rispettivamente 1,3 volte e 3 volte durante il 2021 e anche di più dai prezzi minimi all'inizio della pandemia di Covid-19.

Bitcoin è già una risorsa tradizionale

La spiegazione più recente del crollo è dovuta alla pubblicazione dei verbali della Federal Reserve (Fed) statunitense, dove alcuni prevedono un più rapido rialzo dei tassi di riferimento, e all'inizio della riduzione del equilibrio di asset della Fed, che ha raggiunto gli 8,6 trilioni di dollari nel tentativo di evitare il collasso economico causato dal Covid-19.

Se le azioni scendono e i tassi di interesse salgono, i mercati delle criptovalute si muoveranno in sincronia con le tradizionali attività rischiose come le azioni, secondo una recente analisi del FMI.

La grande domanda, per chi sostiene il valore delle criptovalute, è se questa correlazione possa essere spezzata a lungo termine nello stesso modo in cui i prezzi delle società tecnologiche statunitensi sono decollati dagli indici azionari di società tradizionali come il Dow Jones Media industriale. . Per i negazionisti, il valore delle criptovalute precipiterà e per gli intermediari ci saranno continui cambiamenti nella classifica o versione in attesa fino a quando non si consolidano i vincitori, come ora accade con le grandi aziende tecnologiche mondiali.

Difficoltà di estrazione e divieto

Un'altra narrativa ha attribuito parte della colpa all'improvvisa riduzione hash rate o tasso di estrazione causato dal blocco temporaneo di Internet causato dai disordini in Kazakistan, convertito secondo Visual capitalista nel secondo paese al mondo in proporzione al mining di Bitcoin con il 18% rispetto al 35% degli Stati Uniti.

La concentrazione geografica del mining di Bitcoin è fondamentale e molto preoccupante, poiché il suo famoso decentramento è messo in discussione non solo per il numero relativamente piccolo dei principali miner, ma anche per la loro posizione geografica.

Più recentemente il vicepresidente dell'ESMA ha proposto di vietare le prove di lavoro PoW (Prova di lavoro) che supportano l'estrazione mineraria per il loro consumo di energia. Anche un rapporto della Banca centrale russa propone il divieto di tutte le operazioni con asset crittografici in Russia, oltre al mining di PoW.

Le caratteristiche uniche di Bitcoin ed Ethereum

La narrazione che voglio proporre è diversa, ed è legata da un lato alla natura degli asset crittografici, in particolare Bitcoin, e dall'altro al ruolo che le loro blockchain sottostanti possono svolgere nello sviluppo della trasformazione di molti processi e modelli di business, business sia esistenti che nuovi, come è il famoso caso delle NFT o della finanza decentralizzata DeFi.

Parlo di Bitcoin perché oggi è ancora il criptoattivo dominante, e quindi la sua evoluzione continua a determinare in gran parte la direzione del prezzo del resto degli asset digitali.

Il bitcoin è criticato come un bene senza valore intrinseco e questo è spiegato da testi come questo di Banca sotterranea, da un gruppo di economisti della Banca d'Inghilterra che pubblicano le loro opinioni a livello personale. D'altra parte, ci sono molteplici sostenitori di Bitcoin come asset di investimento che deve essere considerato con un nuovo quadro analitico come fa il gestore degli investimenti. ARK di Cathi Wood.

Cioè, ci sono narrazioni minimalista che avvertono che il valore di Bitcoin può arrivare a zero e narrazioni massimalisti che supportano prezzi vertiginosi, in competizione come il nuovo oro digitale alternativa all'oro fisico attuale. Dopotutto, l'unità digitale prodotta come Bitcoin ha finora dimostrato condizioni uniche: essere tracciabile, immutabile e trasferibile tra portafogli digitali o portafogli digitali. tutto trucchi Questi non hanno influenzato la blockchain di Bitcoin, ma i fornitori di servizi di custodia chiave. E tutti i divieti minerari che si sono verificati non hanno impedito il funzionamento di Bitcoin, fino ad ora, in ogni momento.

Il problema con la narrativa massimalista è che insieme all'emissione massima consentita nella programmazione Bitcoin di 21.000.000 (di cui 18.750.000 già emessi) fa che non ci sia un limite di prezzo sopra, se il protocollo non viene mai violato e l'acquisto, l'investimento o la trasmissione di Bitcoin non è proibito come è avvenuto in Cina. E l'equivalente di coloro che supportano la narrazione Minimalista è che non investe né partecipa allo sviluppo delle criptovalute perché pensa che finiranno per scomparire.

Il problema tra cielo e terra è che c'è molto spazio.

A questo punto si tratta quindi di credenza sensazione, qualcosa di molto diverso da quanto accade nei mercati azionari o obbligazionari, la cui narrativa del prezzo è governata, oltre a indubbi fattori psicologici, da metodi di valutazione comparativa che scontano i flussi di cassa futuri generati da qualsiasi investimento con determinati moltiplicatori. Questo presupponendo che l'attività non sia dichiarata illegale in modo generale, o che ci sia un errore nel funzionamento del protocollo Bitcoin.

Nel caso delle criptovalute, è necessario calcolare il tasso di rendimento derivato dal loro possesso, nel caso di investitori, e il costo del mining rispetto al valore della criptoattività generata (compreso il costo dell'energia, l'investimento in hardware, … ). Nel caso del Bitcoin, la principale fonte di redditività deriva dall'apprezzamento del suo prezzo, poiché a differenza delle criptovalute basate su blockchain che consentono smart contract possono essere utilizzati per lo sviluppo di altre criptovalute o proposte che generano domanda di chiamate risorse crittografiche che costruiscono l'infrastrutturaAd esempio, per sviluppare applicazioni decentralizzate sulla rete Ethereum, devi acquisire Ether e pagare ai miner un canone o gas.

Pertanto, e senza difendere la narrativa minimalista o minimalista, quel che è certo è che in questi asset digitali deve essere tollerata una volatilità aggiuntiva, rispetto ad asset finanziari più tradizionali, più soggetti a eventi economici e intrinseci tipici del loro funzionamento.

Enrico Tito

Amministratore indipendente. Consigliere consultivo. direttore di WG "Denaro digitale e sistemi di pagamento" di Fide, Consulente accademico di Fide

Articolo originariamente pubblicato nel Palazzo delle Idee il 25 gennaio 2022

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.