es Español

Perché ci sono così tanti sciocchi, mi scusi, persone mediocri in politica?

"Sappiamo che non è sempre stato così. La storia ci illustra con molteplici esempi, molti dei quali recenti, in cui uomini e donne di provata abilità e intelligenza, erano in prima linea nelle rispettive popolazioni nei momenti critici".

Lungi dall'essere una domanda retorica o una smorfia di ironia, è, a mio avviso, una domanda inquietante con profondi ancoraggi nella nostra realtà quotidiana e derivazioni insospettate che vanno ben oltre la banalità più o meno morbosa. Soprattutto perché siamo pienamente consapevoli che non si tratta di una sorta di "stato naturale", una correlazione quasi automatica in cui l'attività politica assume la funzione di un pozzo da cui emerge la sporcizia delle fogne della società civile.

Sappiamo che non è sempre stato così. La storia ci illustra con molteplici esempi, molti dei quali recenti, in cui uomini e donne di provata abilità e intelligenza, molte volte correndo rischi e facendo generosi sacrifici, erano a capo dei rispettivi popoli nei momenti critici. Non sembra si possa affermare seriamente che vi sia un singolare "attrattore" nell'attività politica che favorisce un aumento inflazionistico della stupidità oltre la normale curva di distribuzione statistica.

Una risposta almeno indicativa a questo singolare enigma mi è stata fornita da un libro suggestivo consigliato da un amico -Javier Fernández Lasquetty- scritto da un professore canadese all'Università di Montreal, Alain Deneault, e il cui titolo - Mediocrazia - è molto illuminante. Sebbene, certamente, la tesi di Deneault acquisisca un registro diverso in tutto il libro, molte delle sue osservazioni e concetti sono pienamente applicabili alla scena ridotta della vita politica nazionale.

Nella società digitale della tarda modernità l'attività politica è diventata una professione e non in senso figurato, ma accademica. Cioè è un'attività curriculare, in cui si può sviluppare una carriera in senso tradizionale, in cui si esercita una funzione in cambio di retribuzione e altre ricompense e, questo è molto interessante, non è aperta al talento, nel sentire che altre attività o professioni private lo sono.

La professionalizzazione, o più precisamente la "professionalità" come la chiama Deneault, non è una caratteristica distintiva della politica. È una conseguenza necessaria della specializzazione della conoscenza e dell'emergere dell'esperto come depositario di quella conoscenza e influenza nella sua interezza l'insieme delle conoscenze e delle discipline. E così è la banalizzazione della conoscenza che accompagna lo sviluppo della professionalità.

Il risultato di tutto ciò è l'emergere di una massa enorme di individui laboriosi e disciplinati con conoscenze tecniche intercambiabili, una sorta di "analfabeti secondari" che non mettono mai in discussione le basi intellettuali dell'intero quadro che sostiene la struttura. All'orizzonte si vede già il regno della Mediocrazia, un universo singolare in cui l'importante è “evitare buone idee”, non scontrarsi con un inutile accenno di originalità, l'estensione di una sorta di “principio di Pietro” di un carattere universale che codifica un grado di incompetenza intellettuale che necessariamente limita l'intelletto.

Alain Deneault sostiene che la mediocrità si è diffusa come una macchia di petrolio in tutti i settori e le aree della società: aziende, università, commercio e finanza come una sorta di conseguenza necessaria della forza gravitazionale della banale professionalizzazione della conoscenza. A mio avviso incorre in una sorta di "fallacia dello scopritore", lasciandosi sedurre dall'armonia e dall'originalità del suo ritrovamento, estendendolo indiscriminatamente oltre i suoi limiti naturali. In parole povere, la tesi è originale e fruttuosa, ma Deneault ignora che parallelamente a quella singolare "entropia" che favorisce la mediocrità, la dinamica del capitalismo genera anche quella inarrestabile "distruzione creativa" che, attraverso una concorrenza effettiva nei mercati aperti, agisce nella stessa direzione, altrimenti eliminando le inefficienze.

È proprio la concorrenza che limita gli effetti sclerotizzanti dell'uniformità, preservando e limitando certi spazi, a volte molto ampi, in cui dominano regole di eccellenza e selezione che escludono la volgare mediocrità che prende il sopravvento la stupidità. La buona notizia sarebbe che anche il regno degli idioti ha i suoi confini.

Ma cosa succede quando quell'immunità fornita dalla concorrenza è assente? O quando gli incentivi sono perversi e la natura di quella competizione è alterata? Secondo me, è allora che i mediocri prendono il potere e prendono il controllo. Senza freni, o restrizioni, che limitano il suo ambito di attività, Mediocristan prende il comando.

E se c'è un ambito in cui, appunto, si è installata una modalità di concorrenza perversa che proscrive il talento e inghiotte le virtù civiche, favorendo una sinistra selezione avversa che esclude il meglio e il più prezioso dall'orizzonte delle possibilità, è purtroppo quello politico. attività. Il problema non è solo che è afflitto da incentivi perversi al di fuori della classica retribuzione in un'attività professionale. La cosa delirante è che ci sia un investimento nelle procedure di reclutamento e incorporazione in attività politiche in cui la concorrenza opera al di fuori di qualsiasi tipo di talento, per quanto ampio definiamo il concetto, dando priorità alla conformità, alla lealtà incondizionata e alle abilità maliziose e astute un artigiano volgare. La politica non è necessariamente il regno dei mediocri, ma ci sono molti sciocchi, mi scusi, mediocri, perché è piena di incentivi perversi che favoriscono la selezione avversa. Troppi "limoni" e poche informazioni per nascondere la loro vergogna.


Alvaro Lobato
Patrono fondatore di Fide.
Madrid, 19/06/2020. -

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Perché ci sono così tanti sciocchi, mi scusi, persone mediocri in politica?
Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Chi l'Autore

Alvaro Lobato

Alvaro Lobato

Patrono fondatore di Fide. Magistrato in congedo. Avvocato

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Altri articoli di questo autore

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.