es Español

Sintesi esecutiva V Conferenza Fide con l'art. Fondazioni d'arte: Gestori e Mecenati

"Abbiamo pubblicato la sintesi della conferenza d'arte online dell'8 giugno, che si è occupata di Fondazioni d'arte".

L'8 giugno 2021, il XNUMX° giorno di Fide con l'arte, un incontro annuale che Fide organizzato sotto la direzione accademica di Raffaello Mateu de Ros, Socio Fondatore di Ramón y Cajal Abogados. Presidente del Comitato Nomine e Corporate Governance di Bankinter, SA Membro del Consiglio Accademico di Fide e Patricia Fernandez Lorenzo, Collaboratore in Arte e Beni Culturali presso Ramon y Cajal Abogados. Il convegno di quest'anno ha riguardato le Fondazioni d'Arte e il ruolo rilevante che la figura dei Fiduciari e dei Gestori occupano nei rispettivi campi di azione.

La sessione è iniziata con le parole di benvenuto di Cristina Jiménez Savurido, Presidente di FIDE, e l'introduzione di Raffaello Mateu de Ros, che ha moderato e ha dato il via al primo blocco di interventi.

La prima tavola trattava del Sfide per i manager nelle fondazioni d'arte. In questo hanno partecipato Inigo Sainz de Miera, direttore generale della Fondazione Centro Botín, Alessandra Silvestre, direttore generale della Fondazione Hortensia Herrero e Cris Gabarron, direttore generale della Fondazione Gabarrón, nonché Isabel Peñalosa, direttrice delle relazioni istituzionali dell'Associazione spagnola delle fondazioni. Le tre fondazioni hanno collezioni d'arte esposte al pubblico a Santander la prima, a Valencia la seconda e a Mula (Murcia) la terza, quindi condividono preoccupazioni come la proiezione a un nuovo pubblico, misurare l'impatto che le tue fondamenta hanno sulla società o l'esplorazione delle vie di accesso a aiuti straordinari dell'Unione Europea, promosso per alleviare gli effetti della pandemia, e la sua portata per un settore culturale direttamente colpito.

In una tavola rotonda, le fondazioni si sono presentate e hanno spiegato la loro origine, il loro scopo, le attività prioritarie per la fondazione e fino a che punto la situazione eccezionale della pandemia aveva modificato i loro piani e progetti. Successivamente, Rafael Mateu de Ros si è recato presso l'Associazione Spagnola delle Fondazioni per conoscere la sua opinione su quali sono effetti di una buona o cattiva gestione della fondazione e in particolare, ha chiesto del rapporto Analisi dello shock iniziale dell'emergenza sanitaria da Covid-19 nelle fondazioni pubblicato a fine 2020. Si è aperto anche un interessante dibattito sugli aiuti europei alla cultura in cui Íñigo Sainz de Miera ha parlato della complessità di accedere agli aiuti comunitari dalla posizione di Fondazione, visione condivisa da Cris Gabarron.

Tra le domande sollevate dal moderatore, vale la pena evidenziare una questione di massimo interesse, come misurare l'impatto delle attività della fondazione. In questo senso, le tre fondazioni hanno condiviso la volontà di sviluppare e migliorare la vita culturale delle località in cui hanno stabilito la propria sede. La Fondazione Hortensia Herrero, nel suo tentativo di restituire a Valencia uno storico edificio barocco restaurando il Palazzo Valeriola, che ospiterà il nuovo polo espositivo della fondazione, si è finora concentrata su criteri di valutazione quantitativi, come il numero di visitatori. Nel caso della Fondazione Gabarrón, le cui linee di azione trascendono la cultura e l'educazione, generano anche un impatto sociale sui più giovani, il suo Centro per lo Studio della Creatività collabora con molteplici università e istituzioni nazionali ed estere creando gruppi di controllo e di lavoro per valutare l'impatto delle proprie azioni. Per quanto riguarda la Fondazione Centro Botín, il suo impegno per aumentare la creatività in Cantabria l'ha portata a creare i propri contatori in accordo con gli obiettivi che vuole raggiungere, allontanandosi dai contatori numerici convenzionali.

Dopo una breve pausa in cui un video preparato da FIDE che ha mostrato per immagini il grande lavoro sociale di ciascuna delle fondazioni partecipanti, gli interventi sono ripresi con la seconda tavola rotonda dedicata ad affrontare il Sfide che gli amministratori devono affrontare in una fondazione d'arte.

Moderato da Patricia Fernandez Lorenzo, in questa seconda sessione, la complessità per i datori di lavoro di garantire il scopo fondativo stabilito dal fondatore come del promozione di attività che, senza rinunciare alle proprie origini, permettono alla fondazione di adattarsi ad a contesto mutevole e arrivare a raggiungere un nuovo pubblico.

La tavola presentava suggestivi contributi di Han Nefkens, fondatore della Fondazione Han Nefkens, Carmen Thomas de Carrara, patrono e Raul Estevez, segretario, entrambi della Fondazione José Caballero e Enrique Laborde Suarez-Zuloaga, patrono della Fondazione Museo Ignacio Zuloaga, nonché Silverio Agea, Direttore Generale dell'Associazione Spagnola delle Fondazioni. Sebbene le tre fondazioni operino su livelli diversi, è stato chiaro fin dall'inizio che tutte condividessero un'innegabile passione per la diffusione della cultura. Mentre la prima fondazione si dedica a sostenere la produzione di videoarte attraverso il mecenatismo e il prestito della sua collezione a numerosi musei nel mondo, le altre due fondazioni hanno in comune la diffusione della figura di un pittore spagnolo il cui contributo è inquadrato nella contesto artistico dinamico del Novecento, José Caballero e Ignacio Zuloaga. I loro interventi sono serviti a condividere le aspettative prima di un desiderato partenariato pubblico-privato superiore in alcuni casi e da un impegno a collaborazione in una rete culturale internazionale in altri.

Sebbene fosse chiaro che il Patrono rappresenta l'anima della Fondazione, Silverio Agea ha evidenziato il importanza della loro professionalizzazione e formazione poiché si fa carico del buon governo della fondazione. A questo proposito ha introdotto l'idea di essere originale e originale, che significa interrogarsi costantemente sul motivo della creazione della fondazione, nonché, senza ancorarsi all'origine, l'esigenza di guardare al futuro e cercare di contribuire qualcosa di nuovo per la fondazione società. Han Nefkens ha scommesso sull'idea di innovazione e la ricerca di collaborazioni internazionali, poiché il suo mecenatismo si basa sulla fiducia riposta negli artisti di cui produce le opere e sulla generazione di nuovi collegamenti nell'ecosistema dell'arte. Nella stessa direzione si è espressa anche la Fondazione del Museo Ignacio Zuloaga, che nel bel mezzo di una pandemia ha optato per una splendida mostra con l'opera di Zuloaga a Tallinn, ampliando nuovi orizzonti internazionali e facendo conoscere a livello internazionale la figura di Zuloaga, così come il José Fondazione Caballero, impegnata nell'apertura di un nuovo Museo a Huelva per diffondere il profilo artistico e intellettuale di uno dei grandi artisti degli s. XX.

Patronato, filantropia, buon governo del consiglio di amministrazione e responsabilità di gestione sono stati oggetto di una riflessione arricchente che, al di là della visione particolare di ciascuna delle predette fondazioni, è stata contestualizzata in termini globali grazie ai contributi dell'Associazione Spagnola delle Fondazioni. Il video realizzato da FIDE per questa giornata è il miglior riflesso per immagini dell'impegno e della passione per la cultura, assunti e sviluppati in maniera esemplare dalle Fondazioni d'Arte in Spagna.

Riepilogo preparato da Carolina Marti, Avvocato presso Ramón y Cajal Abogados. Dipartimento di Diritto dell'Arte e dei Beni Culturali.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.