es Español

Sfide sulla protezione dei dati nel 2022

"Dal Forum per la tutela di Fide Esaminiamo le sfide che la protezione dei dati dovrà affrontare nel prossimo anno"

Il 13 gennaio Fide tenne la sessioneSfide sulla protezione dei dati nel 2022”, in cui i direttori della Forum sulla protezione dei dati Fide: Cecilia Álvarez, Gabriel López, Ricard Martínez, Alejandro Padín e José Luis Piñar, ha fatto un giro delle questioni più rilevanti e ha condiviso le proprie opinioni sull'argomento con altri esperti, partecipanti regolari alle sessioni di Fide, in materia di protezione dei dati. Di seguito raccogliamo alcune delle idee commentate dai direttori del Forum.

In primo luogo, è inevitabile tenere conto del grado di sofisticazione che il sistemi di informazione. In tal senso, i sistemi delle grandi imprese e delle amministrazioni pubbliche — già oggetto della Direttiva 2019/1024, il cui recepimento in Spagna è stato introdotto attraverso la riforma della Legge 37/2007 che tratta del riutilizzo delle informazioni del settore pubblico — sono caratterizzati dall'integrazione di una pluralità di fonti interne ed esterne, dalla loro interazione con l'internet delle cose, dalla sensorizzazione, con le applicazioni mobili, e dall'analisi di dati non personali che risultano utili per l'organizzazione.

D'altra parte, la generazione di archivi di dati consente l'applicazione di Apprendimento profondo e apprendimento automatico e lo sviluppo dell'intelligenza artificiale. Questo ecosistema di trattamento viene trasferito anche alle piccole e medie imprese quando contraggono servizi cloud che facilitano questo tipo di servizio e che promuoveranno un cambiamento significativo nella pratica aziendale e amministrativa a tutti i livelli. Questo contesto è funzionale alla Strategia Digitale Europea e alla creazione di spazi di dati europei.

Per ordinare la questione, l'Unione Europea ha implementato una strategia legislativa da molteplici approcci che includono il RGPD (Regolamento sull'uso dei dati non personali, che organizzerà il mercato per la fornitura di servizi di scambio di dati, che sarà soggetto a vigilanza pubblica e i suoi fornitori devono registrarsi) il Direttiva sui dati aperti, e in corso Regolamento sulla governance dei dati e le due leggi che regoleranno i servizi digitali e i mercati digitali, la Regolamento sull'IA e della Regolamento ePrivacy.

Dalla partenza del Regno Unito dall'Unione Europea, sono rimasti senza il principale alleato che sosteneva il modello di esportazione dei servizi. Nel caso spagnolo non c'è una posizione univoca, da un lato c'è bisogno di capire e regolare gli effetti generati dai due grandi poli della digitalizzazione come Cina e Stati Uniti, e, dall'altro, c'è una grande opportunità che rappresenta l'essere il Paese all'avanguardia nel mondo dei servizi digitali che dà sostenibilità ai progetti che si sviluppano sotto gli auspici dell'Unione Europea.

Infine, si tratta di disciplinare in modo specifico alcuni aspetti della trattamento dei dati personali, che integra le normative vigenti in vigore e che può, da un lato, contribuire a fornire certezza del diritto ad alcune attività che già esistono o sono tecnicamente possibili e, dall'altro, aumentare la fiducia degli utenti nelle modalità di utilizzo dei loro dati. Non si può perdere di vista, però, la necessità di una regolamentazione che integri l'elemento di globalità che il trattamento delle informazioni implica nell'economia digitale, nonché la perdita di efficienza che comporta il moltiplicarsi degli organi pubblici di vigilanza e controllo. Per questo motivo, sia la proposta di regolamento sulla governance dei dati che il resto dei regolamenti in fase di sviluppo nell'UE dovrebbero mirare al raggiungimento di questi obiettivi: aumentare la fiducia degli operatori e delle parti interessate e prepararsi a un contesto normativo globale. La domanda che dobbiamo porci è cosa vogliamo essere alla fine di questo viaggio e cosa stiamo facendo per raggiungerlo.

Nel Forum per la Tutela del Fide e, per tutto il 2022, affronteremo questi problemi in sessioni monografiche.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.