es Español

Sanzioni crittografiche: sei suggerimenti per la conformità per operatori e scambi

"Queste sei raccomandazioni consentono alle società di criptovalute di creare solidi programmi di conformità che mitigano il rischio di violazioni delle sanzioni"

Con l'invasione in corso dell'Ucraina da parte della Russia e le ampie sanzioni che ne derivano, le designazioni di sanzioni specifiche per criptovaluta sono in aumento. Anche, i crimini associati alle criptovalute hanno raggiunto un nuovo massimo storico nel 2021, con azioni illecite che si aggiravano intorno ai 14.000 milioni di dollari in tutto il mondo, secondo il Rapporto sui crimini crittografici 2021, prodotto da Chainalysis; Sebbene tali cifre possano sembrare significative, è importante menzionarlo rappresentano solo lo 0,15% del totale delle transazioni con asset digitali.

Nel frattempo, l'Unione Europea (UE) ha recentemente raggiunto un accordo provvisorio su un insieme innovativo di regole per il ecosistema crittografico. Il regolamento, noto come Mercati delle criptovalute (MiCA), entrerà in vigore nel 2023 e diventerà il il primo quadro normativo al mondo per le risorse digitali. Tuttavia, lo spirito originario dello sviluppo del bitcoin è stato quello di poter contare su asset digitali trasparenti e tracciabili per lo sviluppo di nuove opportunità, senza dipendere dalla regolamentazione dei diversi governi e dalla complessità dell'armonizzazione transfrontaliera. Pertanto, a prescindere dalle normative che sono in fase di analisi e attuazione alle diverse latitudini, è necessario cercare di generare a ecosistema sano che incoraggia e collabora alla sua maggiore adozione nel mondo.

Sono elencati di seguito sei suggerimenti affinché exchanges ei diversi operatori rafforzano le proprie strategie di compliance.

1. Raccogliere informazioni sui clienti (KYC – conosci il tuo cliente) e confrontarlo con gli elenchi di sanzioni esistenti

Qualsiasi affari basati su criptovalute o le risorse digitali dovrebbero esplorare la raccolta di informazioni KYC da nuovi utenti al momento della registrazione, la registrazione di nomi, indirizzi, numeri di telefono, e-mail e documentazione correlata dei clienti. Come parte del processo KYC, le aziende devono controllare queste informazioni rispetto agli elenchi di sanzioni per astenersi dal fare affari con qualsiasi individuo, entità o paese sanzionato. Perché ogni paese mantiene il proprio elenco di sanzioni, il modo più semplice per effettuare una valutazione è utilizzare un servizio come Thomson Reuters o Refinitiv, che consolida e aggiorna quotidianamente gli elenchi delle sanzioni.

Qualsiasi affari basati su criptovalute o le risorse digitali dovrebbero esplorare la raccolta di informazioni KYC da nuovi utenti al momento della registrazione, la registrazione di nomi, indirizzi, numeri di telefono, e-mail e documentazione correlata dei clienti. Come parte del processo KYC, le aziende devono controllare queste informazioni rispetto agli elenchi di sanzioni per astenersi dal fare affari con qualsiasi individuo, entità o paese sanzionato. Perché ogni paese mantiene il proprio elenco di sanzioni, il modo più semplice per effettuare una valutazione è utilizzare un servizio come Thomson Reuters o Refinitiv, che consolida e aggiorna quotidianamente gli elenchi delle sanzioni.

2. Blocca gli indirizzi IP in base a giurisdizioni sanzionate

Secondo la guida di Ufficio per il controllo dei beni esteri (OFAC, per il suo acronimo in inglese) degli Stati Uniti, il exchanges deve utilizzare il rilevamento dell'indirizzo IP per impedire agli utenti nelle giurisdizioni sanzionate di accedere ai propri prodotti e servizi. Per un approccio alla conformità ancora più forte, exchanges possono filtrare gli indirizzi IP rispetto a indirizzi noti associati ai servizi VPN per catturare gli utenti che cercano di mascherare la loro vera posizione.

3. Monitora continuamente le transazioni

exchanges possono esaminare i trasferimenti per assicurarsi che non includano indirizzi di criptovaluta identificati come parti o paesi sanzionati. I avvisi di monitoraggio delle transazioni sono fondamentali in modo che i team di conformità possano intraprendere un'azione immediata se uno dei loro utenti tenta una transazione con un'entità o un paese sanzionato. Il monitoraggio delle transazioni dovrebbe essere continuo, il che significa che le vecchie transazioni vengono riesaminate caso che si sono verificate nuove informazioni o designazioni di sanzioni dall'operazione iniziale.

4. Rivedere il diligenza dovuta de aziende partner

Non solo gli individui e le giurisdizioni sono sanzionati, a volte, anche i fornitori di servizi sono soggetti a sanzioni. Suex e Chatex, due exchanges di criptovalute con sede in Russia, rientrano in questa categoria, per esempio. Il exchanges devono identificare le loro controparti per garantire che anche queste organizzazioni non siano soggette a sanzioni.

5. Rileva le violazioni delle regole di viaggio

exchanges possono utilizzare le informazioni delle regole di viaggio per filtrare ulteriormente i trasferimenti. Il exchanges può utilizzare le integrazioni delle regole di viaggio per impostare parametri basati sul livello di rischio che limitano automaticamente gli scambi, in entrata o in uscita, con fornitori di servizi per le risorse virtuali (VASP) che sono sanzionati o non soddisfano i criteri per diligenza dovuta.

6. Segnala quando vengono rilevate interazioni con soggetti designati

Se l'attività di un utente è indicativa di violazioni di sanzioni, dei exchanges con sede negli Stati Uniti dovrebbe valutare se sono legalmente vincolati presentare un Rapporto attività sospette (SAR) al Rete di controllo della criminalità finanziaria (FinCEN) e le necessarie segnalazioni normative all'OFAC. Il exchanges con sede altrove deve attenersi ai requisiti di segnalazione definiti dalla propria giurisdizione. Se l'attività sanzionata viene identificata dopo questo periodo, exchanges devono valutare se l'auto-rivelazione volontaria è appropriata.

Questi sei consigli consentono alle società di criptovalute costruire solidi programmi di conformità che mitighino il rischio di violazione delle sanzioni.

Il contesto generale di ecosistemi crittografici nel mondo sta cambiando, quindi le aziende e le aziende che si sviluppano in questo settore devono essere preparate a questi cambiamenti. È essenziale una strategia di conformità solida e funzionale per il soddisfacente sviluppo delle imprese, e per il raggiungimento dei loro obiettivi di business.

Giovanni Montaner

Account executive, EMEA, analisi della catena.

Articolo originariamente pubblicato nel blog Fide nel confideufficiale

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
Email

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.