es Español

Legge e Forum UE

Il Forum del diritto dell'UE di FIDE Il suo scopo è quello di offrire un quadro di dibattito e discussione su temi di attualità legati alla dimensione giuridica del processo di integrazione all'interno dell'Unione Europea, con particolare attenzione ai punti di attrito tra detto sistema giuridico transnazionale e i cittadini degli Stati membri. , in particolare lo spagnolo. Con un tale disegno, riunisce esperti del settore, del mondo della didattica, delle corti di giustizia, delle pubbliche amministrazioni, della professione forense e delle imprese.

Sonsoles Centeno

Direttore.
Partner di Pérez-Llorca, responsabile dell'apertura del suo ufficio a Bruxelles. Esperto in diritto dell'Unione Europea. Avvocato di Stato in aspettativa. In precedenza, ha lavorato come Avvocato di Stato in diverse posizioni all'interno dell'Amministrazione, le ultime dieci in ambito dell'Unione Europea (Avvocato di Stato presso la CGUE e presso la Rappresentanza Permanente della Spagna presso l'Unione Europea)

Joaquin Huelin

Direttore.
Partner di Cuatrecasas. In precedenza è stato Magistrato della Sezione Contenzioso-Amministrativa, Corte di Cassazione. Membro del Consiglio Accademico di Fide.

Mercedes pedraz

Direttore.
Magistrato presso la Camera contenziosa-amministrativa, National High Court. Giudice dal 1987, opera prima nei tribunali penali e civili e dal gennaio 1992 presso il Tribunale Nazionale, a Madrid, occupandosi di cause antitrust, nonché di altre cause di diritto economico. Professore ordinario di diritto della concorrenza e diritto comunitario nelle università (Università Carlos III, Università Menéndez Pelayo, ICADE, Università San Pablo CEU), nonché presso l'Autorità spagnola per la difesa della concorrenza

Daniele Sarmiento

Direttore.
Professore di Diritto Amministrativo e Unione Europea presso l'Università Complutense di Madrid. Avvocato, Uria Menendez. In precedenza è stato Avvocato della Corte di Giustizia dell'Unione Europea ed è autore di numerosi lavori, tra cui "Potere giudiziario e integrazione europea" (Thomson-Civitas, 2004), "El soft amministrativo law" (Thomson-Civitas, 2007) o “Il controllo di proporzionalità dell'attività amministrativa” (Tirant lo Blanch, 2004). Membro del Consiglio Accademico di Fide.

pubblicazioni

Scopri tutte le pubblicazioni, i riassunti delle sessioni e altri documenti relativi all'attività di questo forum:

28 ottobre 2019

Relatore: Manuel Campos Sánchez-Bordona, Consigliere generale della Corte di giustizia dell'Unione europea.

Moderatore: Joaquín Huelin, Partner, Cuatrecasas. Membro del Consiglio Accademico di Fide

sintesi:

L'attività giudiziaria della CGUE si è svolta principalmente, nel corso del 2018 e nel corso del 2019, nei settori dell'azione penale che potrebbero essere classificati come “ordinari”: la libertà di circolazione delle persone, dei beni, dei servizi e dei capitali; controllo delle frontiere, asilo e immigrazione; cooperazione giudiziaria in materia civile e penale; difesa della concorrenza; diritti di proprietà intellettuale e industriale; la protezione dei dati personali; appalti pubblici; i trasporti; fiscalità indiretta (IVA); protezione sociale; i diritti dei consumatori o l'ambiente.

Tuttavia, nuovi sviluppi giurisprudenziali emergono in questioni che, fino a pochi anni fa, avevano a malapena accesso alla CGUE. Tra queste, ad esempio, quelle relative al recesso di uno Stato membro (causa C-621/18, di indubbia rilevanza istituzionale); all'applicazione della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea alle relazioni tra individui (causa C569 / 16); alla politica monetaria o all'unione bancaria (causa C-219/17).

Da un altro punto di vista, alcune decisioni della CGUE sull'applicazione del diritto nazionale hanno optato per soluzioni che prima erano difficilmente immaginabili, come l'annullamento diretto di una decisione adottata dalle autorità nazionali (cause C-202/18 e C-238 / 18) o la misura cautelare, rivolta a uno Stato membro, per sospendere l'applicazione delle sue norme interne sull'organizzazione giudiziaria (causa C-619/18).

Data questa situazione, sembra opportuno rivedere e riflettere insieme sulla direzione che la giurisprudenza della CGUE sta prendendo negli ultimi anni.

6 Novembre 2019.


Intervengono:

  • Algeria Queralt, Serra Hunter Professore Associato di Diritto Costituzionale, Facoltà di Giurisprudenza, Università di Barcellona
  • Fabio Pasqua, Professore di diritto amministrativo, UCM. Avvocato del tribunale ed esperto di diritto elettorale europeo

Moderatore: Daniel Sarmiento, Professore, Università Complutense di Madrid. Avvocato, Uria Menendez. Membro del Consiglio Accademico di Fide e Mariano Bacigalupo, Professore di Diritto Amministrativo presso l'UNED e Direttore del CNMC, membro del Consiglio Accademico di Fide.

sintesi:

Questa sessione ha affrontato la complessa questione dello status dei deputati al Parlamento europeo nel diritto dell'Unione europea e il suo rapporto con il diritto penale degli Stati membri. Le ultime elezioni al Parlamento europeo sono state l'occasione per sollevare questo delicato tema in Spagna, dando luogo alla prima questione pregiudiziale sollevata dalla Seconda Sezione della Corte suprema nel caso Junqueras.

Nella seduta lo statuto è stato analizzato dalla doppia prospettiva del diritto europeo: da un lato, alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea e, dall'altro, dal punto di vista della giurisprudenza di la Corte europea dei diritti dell'uomo, senza dimenticare la rilevanza per il caso del diritto penale degli Stati.

 

Coordinamento accademico: Vittoria Dal Lago Demi

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.