es Español

Forum sulla gestione del rischio

Il rischio è la combinazione della probabilità di un evento e delle sue conseguenze. Queste conseguenze possono essere positive (opportunità) o negative (minacce). Raggruppati i rischi in quattro gruppi, strategici, finanziari, operativi e fortuiti o casuali, la conoscenza del loro comportamento si traduce nella loro visione globale e nella loro gestione strategica, al fine di proteggere i beni e le risorse di coloro che li supportano. perdite a cui è esposto e per cogliere le opportunità che si possono ottenere gestendo in modo efficiente i rischi.

Il Forum si propone di approfondire l'analisi scientifica dei rischi, nei loro aspetti legali ed economici, che consente l'identificazione, la valutazione e il controllo di quei rischi di aziende, Pubbliche Amministrazioni, professionisti, persone, ecc ..., che consente di rafforzare le strategie strategiche obiettivi di chi convive con i rischi, agendo in tutte le sue aree, per il raggiungimento di un obiettivo comune, la loro minimizzazione, il corretto trattamento legale degli stessi, nonché il loro finanziamento tramite sottoscrizione assicurativa o la loro ritenzione totale o parziale ed infine l'aumento del valore per gli stakeholder nella loro sfera economica, sociale e ambientale e un'adeguata governance di coloro che generano i rischi.

Lo studio e la conoscenza dei rischi e della soluzione ai problemi sollevati, implica un miglioramento nella loro gestione, incorpora miglioramenti per eliminare o controllare / mitigare potenziali perdite e cogliere opportunità di miglioramento competitivo, promuovendo lo sviluppo di una società con maggiori legalità garantisce, con solidi valori, l'istituzione e la diffusione di principi di informazione e formazione in ambito professionale dei rischi con istituzioni, aziende ed enti in genere, pubblici e privati.

Gonzalo Iturmendi Morales

Direttore.
Managing Partner, G. Iturmendi y Asociados Law Firm. Membro del Consiglio Accademico della Fide.

pubblicazioni

Scopri tutte le pubblicazioni, i riassunti delle sessioni e altri documenti relativi all'attività di questo forum:

1 ottobre 2019

Intervengono:

  • Gonzalo Iturmendi Morales, Managing Partner, G. Iturmendi y Asociados Law Firm. Membro del Consiglio Accademico della Fide
  • Jose Maria Elguero Merino, Professore, Università Pontificia Comillas

 

Moderatore: Vicente Magro Servet, Magistrato di Sezione II, Corte Suprema

sintesi:

Fide ha organizzato questa sessione in occasione della pubblicazione del libro: «Responsabilità e assicurazione D&O", di Gonzalo Iturmendi e José María Elguero, con prefazione di Vicente Magro e curata da Agers.

Amministratori e dirigenti sono consapevoli di trovarsi nel mirino di diverse fasce di interesse di potenziali ricorrenti per responsabilità civile, pertanto aspirano ad essere tutelati dall'aumento dei sinistri.

La risposta assicurativa alla preoccupazione degli alti funzionari circa la loro responsabilità è specificata nell'assicurazione di responsabilità civile di amministratori e dirigenti (Amministratori e dirigenti, D&O), che genera problemi di interpretazione sia nella compagnia che assume l'assicurazione, sia negli assicurati. Le recenti posizioni create all'interno delle organizzazioni - come il Chief Agile Officer o il Chief Experience Officer - rivelano la situazione attuale nel trattamento dell'assicurazione di amministratori e consulenti.

La sessione ha analizzato l'utilità e le principali problematiche dell'assicurazione D&O, la sua copertura e soprattutto quelle di maggiore interesse pratico su temi di attualità quali frodi assicurative, obbligazioni, spese di difesa legale, garanzia di sanzioni amministrative, debiti fiscali e il rapporto tra assicurazioni D&O e i programmi di conformità dell'organizzazione. In questa sessione il libro “Responsabilità e assicurazione D&O”Scritto dai relatori e prefisso da Vicente Magro Servert, opera che studia nel dettaglio il regime di responsabilità civile di amministratori e direttori e soluzioni assicurative, dall'esperienza dei suoi autori, che cercano un approccio pragmatico per risolvere le questioni attuali in materia .

Dicembre 2 2019

Intervengono:

  • Maria Jose Cruz, Direttore M&A per la regione del Mediterraneo, RiskPoint A / S
  • Jose bridge, Avvocato, Gómez-Acebo e Pombo Abogados, GA_P

 

Moderatore: Gonzalo Iturmendi Morales, Managing Partner, G. Iturmendi y Asociados Law Firm. Membro del Consiglio Accademico della Fide

 

sintesi:

Tradizionalmente, le parti che acquistano e vendono nelle operazioni di M&A hanno la responsabilità condivisa per le possibili contingenze che possono esistere nella società, attività o beni che sono oggetto dell'operazione. La negoziazione tra loro di detta divisione delle responsabilità è probabilmente la questione che di solito richiede più impegno. Seguendo i modelli anglosassoni, tale regolamentazione avviene attraverso i meccanismi contrattuali di rappresentanza e garanzie ("dichiarazioni e garanzie") E indennità ("indennità”), E le procedure da seguire per far valere la violazione di dette manifestazioni o il verificarsi di un evento che dia luogo a un risarcimento.

Gli assicuratori hanno progressivamente progettato prodotti con i quali assicurare detti rischi di operazioni di M&A, assicurazioni che non si limitano ad assicurare i rischi concordati contrattualmente, ma possono andare oltre, coprendo il trattamento fiscale o legale dell'operazione, assumendosi responsabilità in relazione a contenziosi o imprevisti in corso che le parti non erano disposte ad assumere e che avrebbero prodotto affare interruttori, o garantire la continuità di un'attività con licenze esistenti.

Questo tipo di assicurazione si è evoluto notevolmente. Ha iniziato assicurando le responsabilità assunte da una delle parti nei contratti di M&A (solitamente i venditori), agendo come una sorta di riassicurazione della copertura contrattuale, per assicurare successivamente gli acquirenti concedendo loro copertura in relazione a possibili imprevisti, rischi o importi non assunti dai venditori, fino al raggiungimento della situazione attuale in cui gli assicuratori assicurano eventuali violazioni di dichiarazioni e garanzie rese dal venditore ma per le quali il venditore non si assume alcuna responsabilità.

Obiettivo della sessione è stato analizzare i rischi e le assicurazioni M&A, capire cosa coprono, l'importanza della due diligence dell'acquirente, comprendere le differenze tra le diverse tipologie di assicurazione, nonché quali sono le principali tematiche oggetto di negoziazione.

Abbiamo inoltre analizzato l'impatto dell'assicurazione sulle operazioni di M&A, sui processi di auditing e sui contratti stipulati. È possibile che lo schema contrattuale delle operazioni di fusione e acquisizione subisca modifiche nei prossimi anni, poiché la regolamentazione delle rappresentanze e delle garanzie diventa una questione di competenza degli assicuratori.

L'aumento di queste assicurazioni è stato affrontato, guardando ai settori in cui sono più utilizzati in Spagna (immobiliare ed energie rinnovabili).

11 di febbraio 2020

Relatore: José Luis Seoane Spiegelberg, Magistrato della Sezione I della Corte Suprema

Moderatore: Vicente Magro Servet, Magistrato della Sezione II della Corte Suprema

sintesi:

La determinazione se l'atto illecito sia causa reale e vera del danno, ci porta ad analizzare il funzionamento del rapporto di causalità nei processi di responsabilità civile, la condotta attiva o passiva di un soggetto di diritto e il risultato dannoso prodotto.

L'obiettivo della sessione era quello di analizzare il funzionamento ei limiti della causalità materiale e naturale e della causalità giuridica nei processi di responsabilità civile e se la causalità materiale è distaccata o meno dalle connotazioni legali.

Esiste una causalità materiale e una causalità giuridica, entrambe strettamente collegate. La sessione affronterà - analizzando casi specifici - il condizionamento delle valutazioni giudiziarie e dei criteri normativi, tra cui le regole di valutazione delle prove e il loro onere, quali il principio di disponibilità e facilità probatoria degli articoli 217 e 218 del il diritto processuale civile. La Corte Suprema ha adottato la dottrina dell'imputazione oggettiva, esigendo una doppia causalità: fisica, naturale o empirica, a seconda dell'attività probatoria mostrata nel processo, determinata dall'esperimento intellettuale della valutazione del fatto che la condotta perseguita costituisse un conditio sine qua non nella genesi del danno, secondo i principi del diritto europeo della responsabilità civile; o secondo la dottrina di "Ma per prova" di diritto anglosassone ("se non fosse stato per"), che funge da presupposto di una necessaria e aggiuntiva causalità giuridica, quest'ultima operante attraverso la selezione di cause giuridicamente rilevanti per l'attribuzione di un fatto alla condotta umana, trattando criteri come la fine della protezione della norma, l'aumento del rischio, il comportamento alternativo in conformità con la legge, il divieto di ritorno, la competenza della vittima, l'assunzione volontaria di rischi, i rischi generali della vita, tra gli altri , attraverso la quale sono state risolte le successive pretese di responsabilità civile.

Marzo 10

Intervengono: 

  • Lourdes Arastey, Magistrato della Camera Sociale, Corte Suprema
  • Vicente Magro Servet, Magistrato di Sezione II, Corte Suprema
  • José Luis Seoene Spiegelberg, Magistrato della Sezione I della Corte Suprema
  • Cesar Tolosa, Magistrato della Camera contenzioso-amministrativa, Corte suprema

 

Moderatore: Gonzalo Iturmendi Morales, Avvocato, Partner e Direttore di Bufete G. Iturmendi y Asociados, SLP, Membro del Consiglio Accademico della Fide

sintesi:

Affrontiamo questo problema da quattro diverse prospettive, a seconda delle quattro giurisdizioni, civile, penale, contenzioso-amministrativo e lavoro. Abbiamo quattro esperti con conoscenza del diritto materiale di ciascuna delle suddette giurisdizioni che forniranno le loro opinioni sulle conseguenze legali della forza maggiore a causa dell'epidemia di coronavirus in caso di mancato rispetto degli obblighi civili, penali, amministrativi e del lavoro. Quali sono i limiti di responsabilità in caso di forza maggiore in un caso come questo?

Possono attirare l'attenzione le diverse visioni e interpretazioni della realtà giuridica dello stesso fenomeno (il coronavirus e la forza maggiore) da quattro fonti normative, ma dallo stesso ordinamento giuridico. A tutto questo bisogna aggiungere che - per il momento - non si tratta di una pandemia o di una catastrofe; vale a dire, ora siamo più di fronte a una “paura della paura” che sta generando catene di non conformità, chiusura delle frontiere, ecc .. azioni di aziende, amministrazioni, professionisti, ecc. ciò può essere più o meno giustificato dalle misure di prevenzione e controllo delle organizzazioni.

Coordinamento accademico: Carmen Hermida

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.