es Español

Tutto scorre; e altro ancora, diritto del lavoro

"Il diritto del lavoro deve agire, quindi, come vele ben progettate e come parte della sicurezza e della protezione delle navi che solcano mari imprevedibili e arrivano a porti fertili"
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Facebook
Condividi via email
Immagine di sfondo: Il secondo vicepresidente del governo e ministro del Lavoro, Yolanda Díaz. (EFE / Javier Lizon)

Il 29 settembre 2021, il (prevedibilmente) ultimo dei regi decreti urgenti in campo socio-lavorativo legate alla pandemia di covid, estendendo le principali misure legate alla speciale regolamentazione temporanea del lavoro, che - fino a marzo 2020 - apparentemente ibernava figura di aggiustamento tra la riduzione della domanda di lavoro umano e le esigenze economiche delle persone che forniscono quel lavoro : ERTE.

Il regio decreto-legge 18/2021, del 28 settembre, ha chiesto un adeguamento definitivo - nell'ambito di una serie di legislazione motorizzato che ha messo alla prova la capacità normativa del legislatore e la capacità interpretativa e applicativa degli operatori giuridici - a tutela del lavoro, e ciò sostanzialmente attraverso uno strumento parzialmente finanziato con denaro pubblico; cioè attraverso il "Socializzazione dei salari", come l'ha definita il presidente Macron all'inizio dell'emergenza sanitaria, con lucidità espressiva e analitica tipicamente francese, sottolineando così l'inimmaginabile di una tale possibilità di fronte alle varie ortodossie del quadro economico Ue e, quindi, evidenziando anche la capacità di adattamento della politica; perché le leggi, dalla Costituzione in giù, non sono, lo sappiamo già, un contratto collettivo di suicidio.

Non lo dimenticheremo mai, quasi da un giorno all'altro, prima del certa minaccia di collasso economico e sociale di grandezza dantesca, il mondo - sì, nientemeno -, attraverso istituzioni molto diverse - politiche, scientifiche ed economiche, tra le altre -, avvalendosi della conoscenza accumulata delle crisi passate e della maggiore capacità tecnologica ed economica dell'umanità di cui non ha mai goduto , sforzi coordinati per cercare di scongiurare un pericolo certo, grave e comune. So che nelle prime settimane - quando si impegnavano spese mai viste per evitare entropia irrecuperabile - da istituzioni vicine ai maggiori centri di potenza mondiale, si gestivano stime di successo intorno al 50%, comunque subordinate all'ottenimento di effettivi vaccini e della generazione, nel frattempo, di risorse per resistere alla trazione. Uno dei massimi esperti finanziari spagnoli ha calcolato, verso la fine del 2020, che senza il successo dei vaccini, del confinamento continuo e dell'insicurezza, avremmo avuto circa sei mesi prima che i soldi, come nella terribile crisi di inflazione tedesca di quasi un secolo fa, cessassero avere valore.

Penso che ne valga la pena, ora che sembriamo vedere la fine di questo incubo e affrontare nuove sfide senza apparente soluzione di continuità, riflettere, con profondo dolore per tante vite perse (in molti casi in una terribile solitudine), ma anche con riconoscimento e qualche soddisfazione, sul capacità abbiamo dovuto superare il peggio di una sfida così grande.

In più di alcuni paesi lo abbiamo fatto, inoltre - e torno ora al campo giuridico-regolatorio del lavoro -, con un alto grado di solidarietà sociale inclusiva. Lo strumento normativo stellare - il dossier di regolamentazione del lavoro interinale - esisteva già in Spagna, anche se con un uso molto moderato, da decenni, per avere alternative al licenziamento in situazioni di crisi di prevedibile durata limitata nel tempo, Onorando la disoccupazione temporanea con il reddito delle persone colpite finanziate in modo misto (pubblico-privato), ricercando sia attraverso le norme di legge che attraverso la contrattazione collettiva l'equilibrio tra gli sforzi e le esigenze dei datori di lavoro e dei dipendenti (come le spese improduttive degli stessi, e il reddito e l'eventuale futura disoccupazione beneficia di questi). Come la T di "erTe” indica - assente nella denominazione, non più giuridica ma ancora in uso pratica, dei licenziamenti collettivi, gli “EREs ”-, tale provvedimento è efficace e attuabile quando la durata della causa che lo giustifica è limitata nel tempo - da qui il "T" per "temporaneo" - a ciò che è economicamente sostenibile secondo i parametri concorrenti in ogni situazione.

Infatti, come abbiamo appreso dalla loro pratica prima dei tempi del Covid-19, estendere un ERTE oltre ciò che è prevedibile e fattibile, l'azienda riduceva (quando non eliminava) le sue possibilità di sopravvivenza a causa del sostenuto squilibrio tra spese e reddito, e i lavoratori, che avevano subito la riduzione delle proprie risorse economiche, erano spesso condannati alla perdita del posto di lavoro con una riduzione delle indennità di disoccupazione pubbliche; per entrambi, le conseguenze furono disastrose.

La regolazione straordinaria dell'ERTE durante la pandemia è stata l'effetto di una situazione che, seppur non inedita - situazioni simili, e peggio, sono sempre state subite dall'umanità - si è deciso di affrontare, per la prima volta nella storia, con sufficienti conoscenze, risorse tecnologiche ed economiche e con una volontà politica inclusiva e solidale in una dimensione mai vista nei sistemi economici aperti. Indubbiamente, questo esempio incoraggia a immaginare possibili soluzioni non traumatiche (senza cassa integrazione, o con il minimo possibile) in future crisi strutturali e di transizione, con la centralità dell'istituto normativo della regolazione del lavoro interinale.

Tuttavia, non possiamo (e non dobbiamo) dimenticare che il mantenimento di questo meccanismo parzialmente finanziato con risorse pubbliche è stato al costo di un notevole aumento del debito pubblico e con uno sforzo in più di datori di lavoro privati, ed entrambi gli oneri saranno in definitiva sostenibili solo se l'economia produttiva lo è; cioè, se le imprese sono in grado di essere redditizie (e resta da vedere quante - molto significativamente tra le piccole e medie dimensioni - usciranno finalmente bene dalla crisi attuale) e se, per effetto di le risorse economiche generate, siamo in grado di far fronte al debito accumulato. Il diritto del lavoro deve agire, quindi, come vele ben progettate e come parte della sicurezza e della protezione delle navi che solcano mari imprevedibili e arrivano a porti fertili; ma senza dimenticare che le norme socio-lavorative non sono né l'acqua né il vento; Non è l'economia, né può sostituirla.

Roman Gil Alburquerque

Partner di Sagardoy Abogados. Dottore in Giurisprudenza.

Articolo originariamente pubblicato nel Blog Fide di El Confidencial

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su Facebook
Facebook
Condividi via email
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.