es Español

Qualche grammo d'arte

L'arte può salvarci dall'angoscia e dall'impotenza. Oppure può semplicemente aiutarci a normalizzare il nostro turbamento ogni vita.

Un pomeriggio d'estate di agosto, nel 2016, ho visitato il centro storico di Alicante con alcuni amici. Raggiunta la facciata barocca della Basilica di Santa María, con le sue colonne salomoniche, la sua pietra calcarea con resti di monogrammi in rosso e l'immagine bianca della Vergine in una nicchia, ho trovato un dipinto unico fatto in stampatello nella scala a a sinistra della facciata, che collega la piazza della Basilica con la strada che sale al quartiere Santa Cruz: "Solo pochi grammi d'arte possono salvarci dall'angoscia, dall'impotenza". Parole forti e ponderate. 

Anni dopo, il graffito è rimasto e ho avuto l'opportunità di fotografarlo. Ho scoperto che faceva parte di un effimero progetto di architettura nei paesaggi culturali sviluppato in città per raccontare l'esperienza di accompagnamento di un gruppo di partecipanti a programmi residenziali in un museo cittadino (il Museo d'Arte Moderna, vicino alla Basilica). e servizi esterni del Centro di accoglienza e inserimento per senzatetto di Alicante. 

Bello e strano. Un progetto che ha cercato di migliorare gli animi di chi, perché non ha, non ha una casa, attraverso l'arte. Solo l'arte può salvarci... 

È difficile capire che, in una società stravolta come un calzino dalla pandemia, dove il confinamento e la perdita dei diritti ci hanno fatto ripensare a tutto, dove ci siamo resi conto che niente è eterno e che non possiamo dare per scontato nulla di quanto realizzato dopo secoli di storia, guerre e conquiste, l'arte può occupare un posto rilevante nella nostra scomposta piramide di Maslow. 

La parola "crisi" deriva dal greco (krísis, decisione, dal verbo kríno, "decido") e designa il momento in cui avviene un cambiamento profondo nella natura, nella vita di una persona o nel futuro di una persona .società. Le crisi sono necessarie per avanzare poiché il comfort e l'assenza di sofferenza ci portano a una certa indolenza e persino a uno stato di apatia in assenza di stimoli per progredire. La paura, la fame, le difficoltà o, in generale, ciò che ci dà fastidio, ci motivano a cercare soluzioni che ci permettano di tornare al nostro placido stato di calma esistenziale da cagnolino. Proprio come il crepacuore è mille volte più stimolante dell'amore per la creazione poetica, i disastri sociali, naturali o economici generano sacche di ispirazione artistica. 

La pandemia è stata in grado di aiutare molti artisti a riconnettersi con la musa. Così come l'arte sotterranea rispondeva alla necessità di esprimere il rifiuto dei regimi repressivi, la Confraternita dei Preraffaelliti cercava di prendere le distanze dall'accademismo imperante in epoca vittoriana o gli impressionisti inventavano un nuovo modo di rappresentare il mondo e provocare la situazione vissuta durante il Global la reclusione ha saputo fungere da base per una nuova creatività artistica e letteraria, di ricongiungimento con un uomo più puro e autentico, che ha paura e che mostra la sua fragilità come non faceva da molto tempo. 

L'arte può salvarci dall'angoscia e dall'impotenza. Oppure può semplicemente aiutarci a normalizzare il nostro turbamento ogni vita. Il confinamento ci ha impedito di frequentare musei, teatri e monumenti, privandoci così delle reazioni emotive che provoca in noi la contemplazione della bellezza. Perché l'arte non è altro che la capacità di commuovere, di generare reazioni emotive nell'altro, attraverso l'espressione plastica. Dalla più superficiale o rigorosa contemplazione di qualcosa di bello a quella più sofisticata per evocare, per associazione, tempi passati, luoghi visitati o tappe vitali. L'effetto dell'arte sul nostro cervello è imprevedibile, ma, in ogni caso, essenziale. 

La nuova normalità ci porta ad apprezzare più fortemente ciò che è stato perduto, musei, città, mostre... per nutrire di nuovo la nostra anima. Abbiamo iniziato a sfuggire all'impotenza che il confinamento ci ha portato. 

Madrid, 09/06/2020. -

Natalia Velilla Antolin

Magistrato dell'Assegnazione Territoriale della Corte di Giustizia di Madrid. 
Rafforzamento dei tribunali sociali di Madrid n. 1, 14 e 21.

Se l'articolo è stato interessante per te,

Ti invitiamo a condividerlo sui Social Network

Twitter
LinkedIn
Facebook
E-mail

Lascia un commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Contatti

Compila il modulo e qualcuno del nostro team ti contatterà a breve.